Autore:
Paolo Sardi

ROBA DELL'ALTRO MONDO Mentre nel nostro mercato motociclistico il piatto piange, ad altre latitudini la domanda va a gonfie vele, specie quella di mezzi di piccola cilindrata e versatili. Sono molte infatti le realtà in cui le due ruote sono viste come l'unica risposta alla mobilità quotidiana e diventano talvolta anche uno strumento di lavoro. Proprio pensando a chi fa del proprio mezzo un compagno di vita, alla Hero hanno deciso di realizzare l'RNT, un prototipo di scooter che fa della praticità il suo credo ed esposto al Delhi Motor Show.

UNA PIAZZA E MEZZA L'Hero RNT si distingue a prima vista per le forme squadrate della carrozzeria e per grande capacità di carico garantita dai portapacchi anteriore e posteriore, oltre che dalle strutture tubolari laterali. E' il massimo per chi volesse darsi a piccoli trasporti eccezionali, a scapito anche della sella, che, più che matrimoniale, si può definire a una piazza e mezza. Furbo è anche il faro a Led, che può essere staccato dalla sua sede per fare da torcia.

ANCHE IBRIDO L'Hero RNT esce dagli schemi anche dal punto di vista meccanico, spinto da un monocilindrico diesel da 150 cc eventualmente dopato da un piccolo turbo, come tradisce la scritta TDi. Il motore può fungere anche da generatore per portare la corrente anche lontano dai centri abitati. Come ciliegina sulla torta c'è infine la possibilità di rendere l'RNT a due ruote motrici, grazie a un pacco batterie e a un piccolo motore elettrico capace di dare forza alla ruota anteriore, vuoi per superare i passaggi più complicati sui terreni difficli, vuoi per muoversi in città lasciando biella e pistone a riposo, senza dunque emissioni dallo scarico.