Autore:
Stefano Cordara


PERIODO NERO?
La crisi economica non poteva non intaccare anche l'H-D, il colosso di Milwaukee capace di produrre e vendere oltre 300.000 moto all'anno (30.000 in Europa) ha deciso infatti di tagliare circa 1.100 posti di lavoro per il 2009. Insomma, nemmeno il più grande costruttore di moto americano ha troppa voglia di sorridere. Ma la crisi si combatte anche con nuove proposte. Manco fosse un momento della carriera di un pittore, il "periodo nero" viene quindi buono per allargare la famiglia delle Dark Custom (già composta da Nightster, Night Train, Night Rod Special, Cross Bones, Fat Bob, Street Bob) verso il basso, lanciando una 883 che più nera non si può.

ACCIAIO NERO La 883 Iron va quindi a rimpolpare le fila della già nutrita serie Sportster, le H-D più apprezzate in Europa e in Italia (1.410 pezzi venduti lo scorso anno tra 1200 e 883), proponendosi come versione "cattiva" e ribelle. Basta guardare le foto per capire come, nonostante il nome, sia il nero a farla da padrone sulla nuova Iron. Il motore è interamente verniciato a polvere, neri i cerchi, nera la forcella, nere le poche sovrastrutture, compreso l'immancabile serbatoio "peanuts" da 12,5 litri.


SOLO 883
Il V2 di 45° è l'ultima versione dell'883 (solo questa la cilindrata disponibile al momento), montato elasticamente nel telaio ed equipaggiato con iniezione elettronica cui, dicono in Harley, è stata data una taratura sportiva. Solo due i freni a disco, nel segno delle Bobber più essenziali, mentre l'accoppiata di cerchi da 19/16 pollici (gomma posteriore da 150) chiude il quadro ciclistico caratterizzato anche da una sella posta a soli 693 mm da terra. Come dire, una cattivona che si fa domare da chiunque...


TAGS: harley-davidson 883 iron