Autore:
Luca Cereda

SI', VIAGGIARE... La prima mossa è stata convincere gli scettici che una Ducati potesse avere una vocazione cruiser, senza pagare pegno nelle prestazioni e rinnegare il dna sportivo del marchio. Missione compiuta. Ora, il passo successivo sarà convertire definitivmente i ducatisti al touring in (relativo ) relax: per questo la Diavel si presenta all’Eicma con il bagaglio al seguito, in un’edita versione rivisitata chiamata Ducati Diavel Strada. Guarda il video.

COM’E’ Inevitabile, dunque, che l’occhio cada sul gadget, peraltro di serie, principale: le due borse laterali dalla capacità complessiva di 41 litri. Ma le differenze rispetto a una Diavel tradizionale non finiscono qui. La Ducati Diavel Strada ha anche un parabrezza ridisegnato, manopole riscaldate e un manubrio allungato e riposizionato per offrire una posizione di guida più comoda e rilassata. Come? Semplicemente abbassandolo di un centimetro e mezzo e arretrandolo di 6 cm. Buone notizie anche per il passeggero: sulla Strada arriva un poggiaschiena e una sella rivisitata in chiave turistica. Per riconoscerla da dietro, infine, ecco luci di coda dedicate.


TAGS: ducati diavel strada 2013