Autore:
Andrea Rapelli

SUPERLEGGERA Una supersportiva stradale che praticamente è una superbike con targa e fanali: la Ducati 1299 Superleggera, già chiacchierata ampiamente prima del Salone, debutta ad Eicma 2016 in tutta la sua... leggerezza.

CARBONIO Già perché la Superleggera è la prima moto stradale prodotta in serie (in soli 500 pezzi, tutti numerati) ad avere carenatura, telaio, forcellone, telaietto e cerchi ruota in fibra di carbonio. Tutto questo, insieme al serbatoio in alluminio e ad alleggerimenti apportati al motore, porta l'ago della bilancia allo straordinario valore di 156 kg a secco. Vediamola in dettaglio.

MOTORE Il cuore è il bicilindrico Superquadro, portato però a 215 cavalli a 11.000 giri, con una coppia di 14,9 kgm a 9.000 giri. In regola con la norma Euro4, beneficia di albero motore alleggerito, pistoni da 116 mm di diametro con canne cilindro in leggero alluminio, bielle in titanio, alberi a camme con alzata maggiorata, valvole in titanio con diametri maggiorati rispetto a quelli della 1299 liscia, condotti di aspirazione e scarico specifici. Infine, c'è anche uno scarico by Akrapovic in titanio con doppio silenziatore alto.

TELAIO In leggera ma resistente fibra di carbonio, pesa 1,7 kg in meno rispetto a quello della Panigale. La sua robustezza è controllata da tre differenti metodi di controllo non distruttivo, utilizzati anche in campo aerospaziale. I cerchi, anch'essi in fibra di carbonio, hanno i mozzi in alluminio e permettono una resistenza al rotolamento di gran lunga inferiore a quelli alluminio, oltre a pesare 1,4 kg in meno. I pneumatici sono Pirelli Diablo Supercorsa SP.

CICLISTICA Davanti la 1299 Superleggera conta su una forcella Öhlins FL936, più leggera di quella della Panigale ma sempre pluriregolabile, con steli da 43 mm di diametro. Dietro il mono è sempre Öhlins, il TTX36 ma con molla in titanio, che pesa 500 grammi in meno rispetto alla molla in acciaio montata sul monoammortizzatore della Panigale R. I freni? Brembo, naturalmente: due dischi da 330 mm con pinze monoblocco e pompa radiale davanti, disco singolo da 245 mm dietro.

ELETTRONICA La 1299 Superleggera è la prima Ducati ad avere la piattaforma inerziale a sei assi, che porta con sè un inedito pacchetto elettronico con Traction Control Evo, il Ducati Sliding Control (che permette di gestire con facilità lo sliding del posteriore in accelerazione) il sistema che tiene a bada le impennate, il launch control (premiere su una Panigale), l'ABS Cornering, l'Engine Brake Control (aiuta a gestire il freno motore in staccata) e il sistema di telemetria. Roba che quasi la MotoGP.

KIT RACING I pistaioli poi saranno felici di sapere che compreso nel prezzo della moto (ancora sconosciuto) c'è anche un kit racing, che comprende: scarico completo Akrapovic in titanio, plexiglass specifico, kit rimozione portatarga, kit rimozione cavalletto laterale, tappi sostitutivi degli specchi laterali, cavalletto anteriore e posteriore e telo coprimoto.

 


TAGS: eicma 2016 novità ducati eicma 2016 Ducati 1299 Superleggera ducati eicma 2016