Autore:
Stefano Cordara

CAMBIA IL CUORE Non frugate nelle foto alla ricerca di chissà quali novità, perchè non ne troverete. Non ci sarà quindi la GS 1250 di cui i soliti bene informati della Rete avevano parlato da tempo. Però è anche vero che la GS per il 2010 cambierà. Per capire dove è sufficiente indirizzare lo sguardo verso il coperchio valvole del suo boxer. È lì sotto, infatti, che si nasconde la vera novità che la versione 2010 della moto più amata dagli italiani (se sommiamo GS "normale" e Adventure è la moto più venduta in Italia).

MOTORE BIALBERO Sulla GS 2010 debutta, infatti, il motore bialbero a valvole radiali che fino ad oggi è stato appannaggio della sola, costosissima HP2 Sport. Un passo quasi scontato, visto che nella storia di BMW è sempre stata la GS la moto che ha introdotto le primizie tecniche, poi allargate anche a tutto il resto della gamma. Il Boxer 1.200 bialbero arriva quindi anche sulle BMW "normali" e porta in dote ovviamente una dose aggiuntiva di cavalli che non guasta mai.

PIÙ CAVALLI Così la GS 2010 sarà accreditata di 110 cv a 7.750 giri e di una coppia di 120 Nm a 6.000 giri, con uno spostamento del limitatore da 8.000 a 8.500 giri. Valori raggiunti proprio grazie all'adozione del nuovo motore bialbero che, ricordiamolo, ha la particolarità di montare gli alberi a camme longitudinalmente così che ogni albero a camme aziona sia la valvola di aspirazione sia una di scarico.

DUE CANDELE Il motore ha anche ricevuto alcune modifiche per adattarlo al nuovo utilizzo. L'accensione è a doppia candela (sulla HP2 Sport ce n'è una sola), questo probabilmente anche per rendere possibile l'utilizzo delle benzine a basso numero di ottano (la HP2 sport beve esclusivamente Benzina a 98 ottani, qui si può scendere fino a 91) che si possono trovare durante i viaggi. Per la prima volta su una GS arriva anche la valvola allo scarico.

RAPPORTI CORTI Di pari passo con l'arrivo del nuovo motore si accorcia anche la rapportatura finale (da 2,82 a 2,91) così che la GS dovrebbe avere uno spunto decisamente superiore alla precedente. Altre novità non ce ne sono, curiosamente la nuova GS non adotta nemmeno i nuovi blocchetti elettrici al manubrio che a partire dalle serie K BMW sta lentamente allargando al resto della gamma e che, ad esempio sono arrivati sulla nuova RT. Strano, perché come abbiamo detto proprio la GS è di solito la prima a ricevere gli aggiornamenti. Inutile dire che anche per la GS 1200 2010 è prevista la solita interminabile lista di accessori.


TAGS: bmw r 1200 gs eicma 2009 bmw r 1200 gs 2010 bmw bmw gs