Autore:
Stefano Cordara


LA REGINA SI AGGIORNA
Dopo tre anni di brillante carriera e 75.000 pezzi venduti nel mondo per la maxi più amata dagli italiani arrivano diversi aggiornamenti e un leggero face lift. L'arrivo sul mercato di nuovi competitor non trova quindi impreparata la GS, che anzi mostra i muscoli. Gli aggiornamenti ricevuti, infatti, sono tutti tecnici, a partire dal motore che guadagna una manciata di cavalli e la capacità di girare più alto. Adesso il boxerone è annunciato per 105 cv a 8.000 giri, una potenza che porta la GS sulla vetta delle maxi enduro.

CAMBIO RIVISTO Gli aggiornamenti al motore non si limitano alla maggiore potenza anche il cambio è stato completamente rivisto per aumentarne l'affidabilità, inoltre è stata accorciata la trasmissione finale così da aumentare la brillantezza della moto (che per inciso non ci è mai sembrata poco brillante).


FUORI DI ESA
Novità importanti anche per quel che riguarda la ciclistica. BMW trapianta il suo sistema di regolazione elettronica delle sospensioni ESA anche sulla GS adattandolo però per le differenti esigenze della moto. Cosìoltre alle classiche regolazioni -Normal, Comfort e Sport- previste per la versione stradale l'ESA Enduro prevede anche altre due soluzioni per l'Off Road. Tramite il solito pulsante sul manubrio si accede al menu Off road e qui si può scegliere tra una taratura soft e una Hard entrambe hanno cura di evitare che le sospensioni arrivino a fondo corsa nella guida fuoristrada, scongiurando quindi le tipiche "spanciate" delle GS.

RITOCCHINI Assieme a questi aggiornamenti è arrivato anche un moderato restyling che prevede l'applicazione di nuove protezioni in alluminio ai lati del serbatoio, nuovi cerchi in lega, nuova anodizzazione dei foderi forcella. Anche sella e manubrio sono stati ridisegnati, quest'ultimo è in alluminio anodizzato come sulle off road vere.


ANCHE PER L'ADVENTURE
Le modifiche a motore e ciclistica sono condivise anche dalla GS Adventure, che in più ora offre come optional la possibilità di avere una prima più corta per spuntare meglio sui terreni accidentati.


TAGS: eicma 2007 bmw r 1200 gs 2008