Autore:
Stefano Cordara

Il comunicato ufficiale non dice nulla, ma dall’Eicma al Motodays dove, giurano i vertici Piaggio, è stata esposta la versione definitiva della Aprilia Tuono V4R (che presto dovremmo essere in grado di provare), qualcosina sulla naked veneta è cambiato. Cose da poco perchè tecnicamente la Tuono dichiara e conferma tutto quello che era già stato detto all’Eicma.

Il motore è, infatti, quello della RSV4 ultima versione (ovvero quello della APRC  SE, con con nuova lubrificazione, nuovo scarico, e rapporti ravvicinati) addolcito, si fa per dire, fino a 162 cv a 11.000 giri con una coppia di 110 Nm a 11.000 giri. Confermata anche la presenza del pacchetto APRC che gestisce controllo di trazione, antiimpennamento e launch control. Così come sono confermati telaio, forcellone, e sospensioni.

Allora dove sono le differenze? È qui che sta il gioco: nella foto di apertura vi abbiamo messo due moto (quella dell’Eicma a sinistra, quella esposta a MotoDays a destra) per poterle confrontare. Diciamo che all’Eicma il look della RSV4R non aveva convinto del tutto, per cui i designer sono intervenuti in corsa, migliorando l’impatto estetico della moto. Avete trovato le differenze? La soluzione più sotto. In piccolo…

 

 

 

 

 

1) cupolino di dimensioni ridotte e riposizionato 2) nuovi condotti dell’aria dell'airbox 3) indicatori di direzione con bulbo bianco 4) assenza filetti rossi sui cerchi 5) carenatura radiatore meno estesa 6) puntale più piccolo


TAGS: aprilia tuono v4 r