Autore:
Stefano Cordara


PIEGHE DA PAURA
Se un giorno mentre sarete impegnati in pista ad affrontare, saponetta a terra, una curva con la vostra supersportiva vi vedrete sorpassati da una specie di siluro con due ruote, non preoccupatevi, non avete mangiato pesante, avete solo incontrato una Monotracer.

COME IL CIOCCOLATO Evidentemente in Svizzera devono aver tanto tempo per pensare a nuovi progetti. Con i limiti che ti tartassano e un Autovelox ogni 4 chilometri evidentemente, mentre si guida, si pensa al modo più efficace per divertirsi. Forse è nata così l'idea di questo veicolo che definire originale è poco.


MOTOAUTO
Il Monotracer è realizzato proprio nella nazione dei 4 cantoni e, secondo i progettisti, ha tutte le carte in regola per essere il distillato perfetto delle emozioni di guida di una auto sportiva e di una moto. Si guida con un manubrio motociclistico, ma si sta seduti su un sedile simile a quello delle auto; la tecnica è motociclistica al 100%, ma l'abitacolo e come quello di un'auto con tanto di radio hi-fi e aria condizionata, e la frizione è a pedale come sulle auto.

UN PO' DI TUTTO Insomma un bel fritto misto di soluzioni che porterebbero, secondo i costruttori, ad un veicolo molto prestazionale e soprattutto in grado di piegare come e più delle moto. La Monotracer sarebbe, infatti, in grado di toccare i 52° di inclinazione arrivando a toccare le rotelle stabilizzanti in curva. In effetti, vederla in azione in pista in mezzo alle altre moto fa una certa impressione. La meccanica, dicevamo, è motociclistica al 100%: a muovere la Monotracer è l'ormai vecchio quattro cilindri a sogliola della BMW serie K, capace di 130 cv a 8.750 giri.


UN SILURO CON LE RUOTE
Potenza in grado di spingere questa specie di siluro (che è anche molto aerodinamico) ben oltre i 250 km/h. Le soluzioni da auto le troviamo invece oltre che nell'abitacolo anche nella scelta del serbatoio da ben 50 litri e del bagagliaio da 200 litri, che fa concorrenza a quello di una Smart. Pilota e passeggero siedono uno dietro l'altro come in moto ma i sedili sono di tipo automobilistico.

METTE LE ROTELLE, in effetti, un mezzo come questo potrebbe essere una bella soluzione al traffico urbano, la Monotracer trasporta due persone e bagagli in pochissimo spazio (3,65 metri di lunghezza e 1,25 di larghezza)consentendo prestazioni decisamente di alto livello. Ma quanto ci si ferma? Ci pensano le rotelline da una sofisticata centralina che le abbassa nel momento del bisogno.


PESO DA AUTO
Resta da vedere come si comporterà l'impianto frenante i due dischi anteriori derivano anche loro dalla K 1200 (320 mm) e solo il posteriore è cresciuto anche lui fino al diametro di 320 mm però i pesi in gioco nonostante la struttura sia tutta in materali leggeri e compositi, sono di ben altro livello rispetto a quelli delle moto, si parla di 485 kg.

ANCHE FULL OPTIONAL Così come anche il prezzo, se la Monotracer a detta del costruttore offre lo stesso divertimento di una moto non lo fa certo allo stesso prezzo: 52.000 € è il prezzo base ma poi si può cedere alla lista di optional (navigatore, fari bi-xeno e lettore CD) e si può spendere molto di più...


GUARDALA DA VICINO












TAGS: monotracer la macchimoto