Autore:
Stefano Cordara


QUAD AUSTRIACO
Dopo l'accordo con Polaris la voce che anche KTM si volesse cimentare anche nel segmento degli ATV ha sorpreso gli appassionati. Si è dovuto aspettare un po' ma i quad arancioni sono arrivati. Non è dato però sapere se questi veicoli sono figli della joint venture tra i due marchi o sono made in Austria al 100 %. In effetti, a vederli questi ATV hanno ben presente "l'imprinting" di tutte le arancioni.

TUTTI SPIGOLI Superlavoro per Gerard Kiska che non solo ha disegnato tutte le moto e la X-Bow, ha portato i suoi spigoli anche nel mondo degli ATV, disegnando mezzi estremamente aggressivi. Ma anche per quanto riguarda la tecnica questi quad non scherzano niente.

MOTORI AD HOC I motori derivano dai monocilindrici KTM monoalbero edizione 2007 ma sono stati profondamente rivisti per equipaggiare un quad. Rifatti i carter motore (contengono anche più olio) e il cambio a cinque marce che vede l'arrivo della retromarcia (piazzata davanti alla prima).


ACQUA FREDDA
Arriva poi un radiatore curvo equipaggiato con ventola per evitare che le andature ridotte mandino le temperature alle stelle. Frizione idraulica, alimentazione a carburatore (Keihin FCR 39) e avviamento esclusivamente elettrico completano il quadro del motore di questi quad che saranno disponibili in cilindrata 450 e 525.

TELAIO ATTILLATO Anche la ciclistica è molto evoluta, gli ATV di Mattighofen sfruttano un telaio tubolare in acciaio di disegno esclusivo KTM molto compatto. Di acciaio anche il forcellone che muove un ammortizzatore Ohlins completamente regolabile che fa il paio con i due, lunghissimi ammortizzatori anteriori.

LEGGERI Così per gli ATV KTM ha "tradito" il partner storico WP. I cerchi sono in alluminio, i freni sono Magura, con pinze a quattro pistoncini all'anteriore e un disco piazzato sull'assale posteriore e con questo ATV KTM non ha perso il pallino della leggerezza, il peso in ordine di marcia è di 357 libbre, solo 161 kg.


TAGS: ktm atv 2008