Autore:
Luca Cereda


PER FARSI LE "OSSA"
Il nome completo è lungo come una preghiera e sfida a non incepparsi sulla sigla: Harley Davidson FLSTSB Softail Cross Bones. In amicizia, però, la si può chaimare semplicemente Cross Bones, basta sapere che è una Softail. Le presentazioni del caso le ha fatte Harley, al Winter Dealer Meeting tenutosi in Texas qualche giorno fa. Un motore moderno montato su una moto d'ispirazione vintage, dalla concezione artigianale nei suoi componenti esclusivi e nell'originalità stilistica, prerogative delle Harley apparteneti alla gamma Softail.

OLD STYLE Sella monoposto "old style", pedane a mezzaluna, parafango anteriore minimal: il richiamo ai "bobber" è intuitivo. Infatti la sella regolabile della Cross Bones si assesta a 67 cm e mezzo dalla strada, ammortizzata da due molle per garantire maggiore comodità.


"REBEL REBEL"
Il nero della verniciatura non evoca ovviamente lutto, bensì ribellione. La Cross Bones è un po' "darkettona" con quegli elementi in nero lucido: la forcella Springer a parallelogramma con molle cromate, la calotta faro e il manubrio mini "Ape-hanger". Se il parafango anteriore è stretto e corto, quello posteriore è un "Bobtail" che abbraccia il grosso pneumatico da 200 mm; davanti e dietro le gomme hanno un disegno del battistrada simile e sfoggiano cerchi verniciati in nero lucido con raggi cromati.

PORTAFORTUNA Sotto la sella c'è un ferro di cavallo. Non un portafortuna per scongiurare scivolate sull'asfalto, ma il serbatoio dell'olio a ferro di cavallo caratteristico dei modelli Softail, qui griffato con tanto di stemma Harley-Davidson. Il serbatoio "a goccia", invece, tiene fino a 19 litri di carburante e ospita la console verniciata in nero lucido, attrezzata di blocchetto di accensione, tachimetro di grande diametro e spie luminose "Cat-eye".

OSCURA Sul manto nero di quest'Harley "dannata", salta all'occhio più che mai la linea filante dei due lunghi scarichi cromati. Il contrasto è netto e si ripropone quattro diverse tonalità: Dark Blue Denim, Vivid Black, Black Denim e Olive Pearl.

MOTORE A spingere la Cross Bones c'è un Twin Cam 96B verniciato a polvere nera e con coperchi valvole lucidati, dotato di due contralberi di bilanciamento. Come tutti in modelli Softail, l'alimentazione è ad iniezione elettronica sequenziale, e il cambio abbinato al Twin Cam è un Cruise Drive a sei marce.