Autore:
Eugenio Mosca

zoomTetsuya HaradaCon l’ottava vittoria stagionale Daijiro Katoh ha messo una pesante ipoteca sul titolo iridato 250. Anzi, stando alla dimostrazione di forza manifestata anche a Valencia potremmo affermare, quasi, senza timori di smentite che il pilota di Gresini si è ormai messo in saccoccia il titolo mondiale della quarto di litro. Si perché, se la matematica ancora non ha decretato la fine dei giochi, i quasi 50 punti di svantaggio hanno ridotto più che al lumicino le speranze di Tetsuya Harada, che dal canto suo pare già aver alzato bandiera bianca. E d’altronde, se consideriamo che negli ultimi due anni Katoh non ha mai fallito l’appuntamento casalingo è fin troppo facile intuire con quale spirito il giapponese dell’Aprilia si presenti a Motegi: alla stregua del piccione che attende solo di essere impallinato definitivamente nel tiro al bersaglio.zoomMarco MelandriA tagliare definitivamente le gambe a Macio Melandri ci ha invece pensato Fonsi Nieto che, ironia della sorte, sarà suo compagno di squadra il prossimo anno. L’Aprilia, ormai interamente votata al progetto GP1 "appoggerà" infatti Melandri al team di "Aspar" Martinez e certamente la convivenza tra i due, che già prima del crash valenciano non si amavano, non sarà proprio idilliaca. Una scelta giustificata dall’enorme impegno richiesto per il nuovo progetto quattro tempi, che però potrebbe rivelarsi ancora una volta poco azzeccata, vanificando quindi il risultato finale proprio nella Classe che aveva sempre rappresentato un florido terreno di caccia per la casa di Noale.zoomNaoki MatsudoCosì come pare infelice, se confermata, la volontà di dirottare Roberto Rolfo sulla GP1. Non perché il torinese non sia all’altezza, tutt’altro, ma semplicemente perché dopo questa magnifica stagione Roberto meriterebbe la chance per puntare al titolo nella Classe che preferisce. E se ben supportato, il torinese, potrebbe dare delle belle soddisfazioni alla casa veneta, magari riportando a Noale quel titolo che ormai sfugge da due stagioni all’Aprilia.zoomAlzamoraSegnali di ripresa, a Valencia, per Roberto Locatelli, ma le prestazioni convincenti di inizio stagione sono ancora un ricordo lontano. Al "Loca" restano queste ultime gare per dimostrare di aver ritrovato lo smalto dei tempi migliori e poter ambire al mezzo giusto per la prossima stagione. Una stagione che, con il passaggio di Katoh e Harada alla Classe regina, vedrà la duemmezzo impoverirsi ulteriormente, segnando l’inesorabile declino di una Classe che in passato è sempre stata tra le più spettacolari.zoomMcWilliamsUn sacrificio voluto dalla Dorna sull’altare della nascitura madre di tutte le classi, la GP1, che dovrebbe calamitare l’interesse di un numero crescente di case. E proprio per fare piacere alle case anche per la Classe intermedia si pensa ad un futuro a quattro tempi, con la cilindrata di 600 cc, e con buona pace dell’attuale Supersport. Ormai la guerra è totale e sembra che dalle parole si voglia passare velocemente ai fatti, con la futura Classe che potrebbe già fare il proprio debutto nel campionato spagnolo il prossimo anno. Insomma, il futuro è già alle porte.

Classifica mondiale 250 dopo 12 gran premi:
247 punti Daijiro Katoh
198 punti Tetsuya Harada
169 punti Marco Melandri
136 punti Roberto Rolfo
114 punti Fonsi Nieto


TAGS: gp del pacifico: classe 250