Autore:
Stefano Cordara


ULTRASPORTIVO
Motore fisso nel telaio di alluminio, forcellone oscillante come sulle moto, pinza radiale. Il Derbi GP1 50 ha creato un riferimento tecnologico tra gli scooter 50 cc, anche nella guida. Un vero e proprio modello di punta, anche nel prezzo, visto che il listino del GP1 non è mai stato troppo abbordabile.

SECONDA VERSIONE Ecco allora che lo scooter Derbi si sdoppia con la versione Open decisamente più alla portata di molte tasche. Il nuovo GP1 si chiama open e rinuncia alla chicca del motore fisso nel telaio, utilizzando soluzioni tecniche più usuali, come il gruppo motore trasmissione oscillante.


SI ABBASSA LA SELLA "Restituendo" il motore alla sua collocazione tradizionale, il GP1 50 Open riduce considerevolmente l'altezza della sella (45 mm in meno per l'altezza sella conducente e 65 mm in meno per il passeggero) anche grazie all'utilizzo di un nuovo cerchio posteriore da 13". Tutto senza sacrificare il vano sottosella che può contenere un casco integrale. Su questa nuova versione, la sospensione posteriore è con monoammortizzatore, il motore stesso ha funzione basculante, mentre la pinza del freno anteriore è di tipo convenzionale, non radiale, e il disco anteriore è di diametro inferiore. Il telaio doppio trave in alluminio, invece, è in comune con il GP1 50 Racing. Il nuovo scooter Derbi GP1 50 Open è ora in distribuzione anche in Italia. a 2.379 Euro f.c Iva inclusa.

TAGS: derbi gp1 50 open