Autore:
Luca Cereda

RESTYLING Dopo il recente trasloco nella nuova sede di Bassano del Grappa, continua a soffiare aria di rinnovamento in casa Spyke. Il restyling non riguarda più il mattone, ma i capi della stagione 2009. Tute, giacche e guanti rivisitati inseguendo una vestibilità più confortevole e sperimentando soluzioni tecnologiche innovative e più funzionali. Tra le "cavie", nientemeno che un top rider come Andrea Dovizioso.


PROTEZIONI SPECIALI
Sulla pelle - quella della tuta, ovviamente - di Dovizioso, Spyke ha testato le nuove protezioni per la spalla omologate CE, che riprendono la tecnologia già sviluppata sulla tuta Cyber ottimizzandone l'ergonomia. La loro caratteristica è l'intercambiabilità e l'areazione garantita da fibre composite e TPU. Ora eccole di serie sulla tuta top di gamma Speed Dream Race.

TRIDIMENSIONALE Ogni tuta della gamma racing è fatta con inserti in fodera che Spyke chiama 3D. Il motivo è presto spiegato: la fodera rete ha uno spessore che varia dai 3 ai 5 millimetri, e la particolare struttura alveolare crea l'effetto tridimensionale da cui il nome. Quella da 5 mm permette al sudore di fuoriuscire velocemente senza trasmettere umidità a contatto col corpo; è posizionata sulla schiena, in corrispondenza del back protector e sul fondo gamba. L'altra, più sottile e nera, aiuta a far traspirare la parte anteriore del busto.



ANCORA TUTE A fianco della top di gamma Speed Dream Race, battezzano il listino anche Motika, proposta in sei varianti per poterla abbinare a tutti le livree delle moto più vendute, Logos, una tuta a base bianca con inserti in pelle colorata (disponibile solo nella versione racing), e 5PK, rinforzata da piccole protezioni in carbonio. L'armadio dei giubbini in pelle, poi, trascina la scelta dall'estremo più pistaiolo (Motika GP) a quello più cittadino (gli scamosciati Stylo e Roy GP).

ANTI-ACQUA La specializzazione dei capi Spyke prosegue poi nel campo dell'antipioggia. Giacche e giubbini waterproof, smontabili o a pezzo unico, vanno incontro anche alle esigenze dell'endurista, non solo agli appassionati del touring da week-end o da vacanza. Mirway e MX 80 GT (con maniche staccabili e disegno asimmetrico) sono soluzioni ambivalenti, tanto sportive quanto adatte al turismo, entrambe con un occhio di riguardo per l'eleganza. Nessuna novità, invece, sul fronte stivali, dove il fortunato modello Totem della collezione precedente rimane l'elemento di punta.



COLPO DI MANO La sfilata si chiude così con....un colpo di mano. Anzi due, visto che la proposta lancia una coppia di prodotti con posizionamenti differenti nella gamma. Alien è il guanto top di gamma, quello racing. Ha gli areatori sulla superficie dorsale e la parte di pelle tra le dita è perforata per far passare l'aria. Sia Alien sia Vento, l'alternativa leggermente meno tecnica, godono di protezioni rigide in carbonio sulle nocche e sulla parte inferiore del palmo.


TAGS: collezione spyke 2009 le collezioni 2009