Autore:
Alessandro Codognesi

DANZANDO TRA LE STELLE 20 ottobre 2013, data da incorniciare per qualcuno: nel week end della tappa di Philipp Island del Motomondiale, il due volte Campione del mondo Casey Stoner entrerà nella Hall of Fame della MotoGP. L’australiano andrà a fare compagnia a una ventina di altri piloti a loro tempo giudicati meritevoli di tale titolo. Stiamo parlando di Giacomo Agostini, Mick Doohan, Geoff Duke, Wayne Gardner, Mike Hailwood, Daijiro Kato, Eddie Lawson, Anton Mang, Angel Nieto, Wayne Rainey, Phil Read, Jim Redman, Kenny Roberts, Jarno Saarinen, Kevin Schwantz, Barry Sheene, Freddie Spencer, John Surtees e Carlo Ubbiali.

MA SE LO MERITA? Ma chi ha il potere e l’autorità per conferire un titolo simile? Semplice: sarà il CEO della Dorna Carmelo Ezpeleta a inserire l’australiano nella cerchia tanto esclusiva. Queste le parole di Expeleta: “Casey sarà nominato leggenda MotoGP a Phillip Island e mi ha confidato che sarà onorato di accettareÈ stato uno dei piloti migliori della storia della MotoGP e ha vinto con due costruttori diversi come Ducati e Honda”. E per l’occasione, Stoner non si limiterà a una pacca sulla spalla: sul tracciato australiano, il campioncino farà un giro d’onore insieme a Mick Doohan e Wayne Gardner. Ecco come ha commentato il diretto interessato: “Sono onorato di ricevere questo riconoscimento, è qualcosa che non mi sarei mai aspettato”.


TAGS: motogp casey stoner