Autore:
Stefano Cordara


NIENTE COLPI DI TESTA
Il colpo ad effetto Buell lo ha fatto l'anno scorso presentando la Ulysses. Quest'anno invece non ci sono grandi novità ma solo la voglia di allargare la gamma per andare ancora più incontro ai clienti offrendo loro diverse varianti dello stesso modello. Va vista in quest'ottica la XB12SCG (le sigle delle Buell si avvicinano sempre più a quelle delle Harley) versione ribassata della tradizionale Lightning. Evidentemente a Eric Buell piace continuare a giocare con la sua naked preferita. L'anno scorso l'ha allungata creando la Lightning Long, quest'anno la abbassa.

BASSOTTA La CG è vuole in effetti venire incontro a chi non è troppo dotato di statura, è equipaggiata con sospensioni a corsa ridotte e con una sella rimodellata. Alla fine l'altezza della seduta scende di ben 39 mm rispetto alla XB12S tradizionale, ancor di più rispetto alla . Tutto il resto non cambia, il motore è sempre il V2 Thunderstorm da 1203 cc e 100 cv, con una coppia di 110 Nm a 6000 giri.


SCARPE ITALIANE L'ormai tipica carrozzeria traslucida aggiunge un nuovo colore mentre la vera novità tecnica è l'arrivo dei pneumatici Pirelli che avevano fatto la loro comparsa la prima volta sulla XB9SX equipaggiata con gli Scorpion Sync e che adesso si piazzano su tutta la gamma con le già citate Scorpion Sync (Ulysses, City Cross) e Diablo T (Lightining e Firebolt). Per tutti i modelli arriva un nuovo accostamento nero/nero, mentre la Firebolt sarà venduta anche in giallo.

BUELL DA CORSA Riconfermata anche la XB-RR la Buell da 150 cv realizzata in serie limitata e che si è già cimentata nelle gare nazionali negli Stati Uniti.


TAGS: buell xb12scg speciale eicma 2006