Autore:
Stefano Cordara

Forse sarebbe stato il caso di chiamarlo Liberly, vista l’incredibile somiglianza che il nuovo scooter a ruota alta ha con il Piaggio Beverly 500. Invece si chiama ancora Piaggio Liberty, un nome una garanzia per chi si muove a ruota alta per la città. Nato nel 1995 non aveva mai ricevuto delle rivisitazioni, anche perché continuava a piacere come testimoniano le 350.000 unità vendute fino ad oggi.

Per il 2004 si cambia tutto, il Liberty si rifà il trucco ispirandosi senza mezzi termini al fratellone Beverly. Un mix di classico e moderno ben amalgamato, con linee meno flessuose, più spigolose, ma non manca il lampadario anteriore a ricordare la parentela con il vendutissimo 500 di casa Piaggio. Non cambia la tecnica di base che prevede ruote da 16 pollici (16-14 per i targati) e una nutrita scelta di motori.

Due le versioni 50cc a quattro e due tempi, cui si affianca il classico 125 4T ad aria, guidabile con patente auto, e una nuovissima versione dotata Di un altrettanto nuovo motore Leader da 200cc raffreddato ad aria e con distribuzione a due valvole. Il nuovo Piaggio Liberty sarà disponibile sul mercato italiano nel mese di marzo con le versioni 50 e 125 cc. Il 200 arriverà invece in aprile.

CAMBIA ANCHE IL BEVERLY

Ovvio che con questo nuovo motore il Liberty possa andare a pestare i piedi al fratellone Beverly che quindi riceve un interessante Upgrade. Il motore, innanzitutto. Sparisce dalla gamma il motore 200 da 21 cavalli e arriva un nuovo monocilindrico 250 denominato Quasar, sempre raffreddato a liquido che dovrebbe offrire prestazioni ancora migliori. Invariato il 500, mentre le e due versioni di media cilindrata, abbassano finalmente la sella, alzano il parabrezza e ampliano lo scudo a tutto vantaggio di una maggiore protezione di chi guida. Resta la cilindrata 125, guidabile con la sola patente auto e adatta a chi si muove solo in città. Beverly 125 e 250 saranno sul mercato dal mese di marzo 2004.

TAGS: piaggio liberty piaggio beverly