Autore:
Stefano Cordara

L'abitabilità dei maxi scooter senza pagare lo scotto delle dimensioni superabbondanti. Questa è la linea ispiratrice dei nuovi Atlantic 125 e 200 che Aprilia ha lanciato in occasione dell'Intermot di Monaco.

Evidente la voglia di mantenere un grande family feeling con il fratello maggiore, il 500, di cui i "piccolini" di Casa Aprilia vanno a riprendere le linee generali. Il lavoro dei designer appare ben riuscito. L'Atlantic ha una linea piacevole ed elegante al tempo stesso, ripropone in piccolo i tratti somatici del fratello maggiore che, certo, non manca di personalità.

Quanto ai motori Aprilia questa volta ha fatto la spesa in Casa Piaggio. I due quattro tempi che equipaggiano Atlantic sono infatti i motori della serie LEADER costruiti a Pontedera, motori noti per la loro tecnologia avanzata e per le loro prestazioni. Distribuzione a quattro valvole, raffreddamento a liquido per erogare rispettivamente 15 (il 125) e 21 cavalli. La potenza rilevante del 200 porta Atlantic a competere ad armi pari con scooter di maggiore cilindrata. Il 125 è guidabile con la sola patente B.

Aprilia ha inteso trasferire anche la guida piacevole del 500 sui piccoli Atlantic. La forcella è da 35 mm, l´ impianto frenante affidato due dischi (uno anteriore e uno posteriore) con sistema di ripartizione della frenata.


TAGS: aprilia atlantic 125/200