Autore:
Simone Dellisanti

RALLY DEL PORTOGALLO Le moderne auto da rally devono essere performanti tanto sull’asfalto quanto sulla terra: è la doppia sfida tecnica che attualmente impegna tutti i costruttori. Dopo un inizio promettente sull’asfalto della Corsica, con due migliori tempi e un secondo posto nel WRC2, la Citroën C3 R5 è pronta al battesimo su terra, fondo più diffuso nel mondiale rally, la prossima settimana in Portogallo. Ovviamente, l’obiettivo è ottenere il massimo dei risultati.

DOUBLE CHEVRON La Citroën C3 R5, unica nella sua categoria ad avere una geometria dell’assale anteriore specifica per ognuna delle due superficie, asfalto e terra, non scende a compromessi per quanto riguarda le prestazioni. E toccherà ancora a Stéphane Lefebvre, pilota ufficiale del team del Double Chevron, dimostrarlo in un Paese che adora, per il secondo appuntamento della sua partecipazione al WRC2. Proprio in Portogallo, nel 2014, quando la gara si svolgeva in Algarve, il ventiseienne pilota francese aveva conquistato la sua prima vittoria nello Junior WRC. Dopo lo spostamento della gara nei dintorni di Porto, nel 2015, Stéphane si è battuto per il sesto posto nel 2016 prima di doversi ritirare, per quello che allora era uno dei suoi primi rally su terra al volante di una WRC. Con un percorso invariato rispetto alla scorsa edizione, Stéphane e il copilota Gabin Moreau guideranno su strade conosciute. Una seconda C3 R5 sarà impegnata con il pilota locale José Pedro Fontes, campione di Portogallo 2015 e 2016.


TAGS: Citroen racing citroen c3 r5 Stéphane Lefebvre wrc 2018 rally del portogallo 2018