Autore:
Giulio Scrinzi

STAGIONE DA RECORD Il Campionato 2017 di Formula 1 è terminato ed è giunto il momento di fare dei bilanci in vista della prossima stagione: questo è quanto ha fatto la Pirelli, che ha documentato tutti i numeri importanti di un 2017 veramente da record, come sottolineato dal Responsabile Car Racing Mario Isola.Le nuove gomme più larghe hanno incrementato il carico aerodinamico e le velocità in curva, garantendo delle pole position in media 2,450 secondi più veloci rispetto al 2016 e dei giri veloci in gara in media inferiori di 2,968 secondi. Nonostante l’incremento dei carichi fino al 35-40% nelle curve più veloci, i nostri pneumatici 2017 hanno raggiunto tutti gli obiettivi prefissati. Per il 2018, con le nuove Pink Hypersoft e con tutte le altre mescole di uno step più morbide, puntiamo ad aumentare ancora di più la velocità e lo spettacolo”.

PNEUMATICI Ma passiamo ai numeri: i pneumatici forniti ai team sono stati 38.788: di questi, 33.250 sono stati messi a disposizione nei fine settimana di gara, mentre 5.268 sono stati utilizzati nelle sessioni di test. Del totale, 25.572 erano slick e 13.016 da bagnato (intermedi/full wet). Quelli effettivamente utilizzati, però, sono stati 12.920, di cui 11.532 slick e 1.388 da bagnato. A livello di mescole, Esteban Ocon ha effettuato più km (74) con le Hard, Lance Stroll con le Medium (587 km) e con le Intermediate (433 km), Lewis Hamilton con le Soft (4.696 km), Sergio Perez con le Supersoft (6.261 km), Stoffel Vandoorne con le Ultrasoft (4.674 km) e Felipe Massa con le Full Rain (242 km).

PIT-STOP Per quanto riguarda le soste ai box, sono stati effettuati un totale di 533 pit-stop (dei quali 6 drive-through e 1 stop and go): la media temporale per gara è stata di 26,7 secondi, dei quali 1,5 a pilota. Il maggior numero di pit-stop (41) sono stati effettuati in Azerbaijan, mentre il minor numero (18) in Austria, sul Red Bull Ring.

SORPASSI Un'altra parte interessante delle statistiche Pirelli è quella relativa ai sorpassi: sono state 435 le manovre totali, con una media di 21,8 per gara. Il maggior numero in una corsa asciutta (42) è avvenuto a Baku, mentre quello in una bagnata (31) si è realizzato in Cina. L'Autodromo di Sochi è, invece, il circuito dove è avvenuto il minor numero assoluto di sorpassi: solamente uno! Il pilota con la maggiore indole a mettere la freccia è stato Daniel Ricciardo (43 sorpassi, dei quali 13 solamente in Gran Bretagna), mentre quelli meno sorpassati in assoluto (solo 2 volte per ciascuno) sono stati Max Verstappen e Lewis Hamilton. Lance Stroll detiene il record di 36 posizioni guadagnate in tutta la stagione nel corso del primo giro, mentre tra i team la Red Bull è quella che ne ha fatti di più (65, dei quali 43 da parte di Ricciardo e 22 di Verstappen).

CIRCUITI E GARE Per quanto riguarda, infine, i circuiti e le gare, la corsa più lunga dell'anno è stata quella in Azerbaijan (2 ore, 3 minuti e 55,753 secondi), mentre quella più breve è stata quella di Monza (1 ora, 15 minuti e 32,312 secondi), che si è rivelata anche la più veloce, visto che la media oraria del vincitore (Lewis Hamilton) è stata di 243,626 km/h. La velocità più elevata registrata quest'anno in gara è stata di 362,4 km/h da parte di Sebastian Vettel, in Messico, mentre il suo rivale Lewis Hamilton detiene il doppio record di giri veloci (18, dei quali 7 in gara e 11 in qualifica) e di giri in testa (527). Un ultimo appunto è relativo all'aumento di velocità garantito dalle nuove P Zero: a Barcellona, per esempio, quest'anno la curva 3 è stata affrontata a 248 km/h (contro i 212 del 2016), mentre la curva 9 ai 245 km/h (rispetto i 215 del 2016). Ma non è tutto, perchè la Copse di Silverstone ha visto le monoposto percorrerla all'impressionante velocità di 290 km/h (rispetto ai 260 del 2016), mentre la Pouhon di Spa-Francorchamps ai 289 km/h (contro i 253 del 2016).


TAGS: pirelli formula 1 pirelli f1 f1 F1 2017 mescole pirelli f1 formula 1 2017 pirelli f1 2017 numeri pirelli f1 2017 statistiche pirelli f1 2017