Autore:
Simone Dellisanti

F1 AMERICANA Nel 2017 la città di Las Vegas potrebbe sostituire Monza nel calendario della Formula Uno. E' questa l'ultima minaccia dell'imprenditore Bernie Ecclestone che ha cercato e, forse, già trovato un possibile sostituto al circuito di Monza (GP d'Italia).

MINACCIA Il patron della F1 ha lanciato uno "schiaffo" ai gestori del circuito brianzolo sulle pagine del Mail of Sunday, sostenendo come non sia assolutamente sicuro che Monza sarà presente nel campionato di Formula Uno 2017.  "Io non credo - sostiene Ecclestone - che siamo obbligati a disputare un Gran Premio in Italia. Una volta qualcuno mi ha detto che non era possibile avere un mondiale F1 senza un Gran Premio in Francia, ora sono sei anni che non si corre più, eppure la F1 è viva è vegeta".

LA PROPOSTA Poi ha rincarato la dose paventando un accordo già trovato con la città del Nevada, per ospitare il Gran Premio: "certi organizzatori si sono proposti di portare a Las Vegas la F1. Il calendario conta già 21 gare, potremmo fare di più, ma forse è già abbastanza visto che alcuni team sono già al limite". Quindi è solo a causa della lunghezza dell'attuale calendario se il circuito cittadino di Las Vegas non è già presente nella massima serie motoristica. 

CURIOSITA' La F1 ha già corso a Las Vegas, nel 1981 e nel 1982, sul circuito del Caesars Palace che si sviluppava nel parcheggio dell'omonimo hotel della città del Nevada. Il tracciato era lungo 3.650 metri e fu molto criticato a causa delle sue asperità che lo facevano assomigliare più ad un kartodromo che a una pista di Formula Uno. Nella prima edizione vinse Alan Jones sulla Williams motorizzata Ford, mentre nella seconda fu l'italiano Alboreto a trionfare con la Tyrrel. Ora il circuito non esiste più, è stato dismesso dopo il 1984 e, a Las Vegas, è presente solo un circuito ovale dove corrono le Nascar, non adatto alle monoposto di Formula Uno.

L'IMPRENDITORE E' bene ricordare che Bernie Ecclestone, da quando ha in mano la F1, è riuscito a creare circuiti cittadini dove sembrava impensabile trovare lo spazio necessario. Ora con i soldi dalla città del gioco d'azzardo e il deserto a disposizione, creare un nuovo tracciato non sarà certo un'impresa impossibile. Ovviamente c'è il rischio di sacrificare ancora una volta un pezzo di storia di questa Formula Uno, ma Bernie è più attratto dai soldi che dallo spettacolo in pista.


TAGS: f1 f1 gp italia campionato mondiale f1 2016 bernie ecclestone GP Las Vegas