Autore:
Simone Dellisanti

CAMBIO IN CORSA E' di  poche ore fa il comunicato della Scuderia Ferrari che spiega come Mattia Binotto, ex capo dei motoristi Ferrari, prenderà il posto di James Allison come nuovo direttore tecnico del team del Cavallino Rampante.

COMUNE ACCORDO Dopo tre anni di collaborazione, la Scuderia Ferrari e l'ingegnere britannico hanno deciso, di comune accordo, di prendere strade diverse. Maurizio Arrivabene, Team Principal della Scuderia, ha commentato: "Il team desidera ringraziare James per l’impegno e il sacrificio profusi in questo periodo passato assieme e gli augura successo e serenità per i suoi futuri impegni”.

PAROLE AL MIELE Da parte sua James Allison ha voluto ringraziare con queste parole: “Negli anni passati in Ferrari, in due periodi distinti e con ruoli diversi, ho avuto modo di conoscere e apprezzare il valore della Squadra e delle donne e degli uomini che ne fanno parte. A loro, va il mio ringraziamento per questa grande esperienza professionale e umana. Auguro a tutti un futuro felice e pieno di soddisfazioni”.

NUOVI PROGETTI Una notizia che non ha sorpreso più di tanto all'interno del Circus della F1 da tempo, infatti, le indiscrezioni su un rapporto ormai deteriorato si stavano moltiplicando e ora sono state confermate. Dopo questa notizia, Allison lascerà Maranello con effetto immediato ma ci sono già indiscrezioni che parlano di una sua prossima assunzione presso un team in Inghilterra per stare più vicino ai figli. Allison dovrebbe comunque rispettare un anno di "gardening", una clausola contrattuale a tutela delle scuderie del motorsport, che prevede un anno sabbatico per i tecnici sportivi che migrano verso altri team.


TAGS: f1 2016 f1 gp germania maurizio arrivabene scuderia ferrari mattia binotto james allison