Autore:
Simone Dellisanti

SORPRESA AUSTRALIANA  Si sono appena concluse le qualifiche del Gran Premio di Montecarlo. Qualifiche che hanno riservato tanti colpi di scena, con il "Canguro" della Red Bull, Ricciardo, che è saltato davanti a tutti, prenotandosi il posto più desiderato sulla griglia di partenza e che, quindi, domani partirà in pole position. Piccola nota stonata in casa Red Bull. Verstappen forse ancora intento a festeggiare la strabiliante vittoria ottenuta in Spagna, ha sbagliato ha prendere le misure alle chicane delle Piscine e ha impattato la sua anteriore destra contro il guard rail. Risultato? Rottura del semiasse e domani, partenza dal fondo.

DELUSIONE ITALIANA La Ferrari, invece, si è dimostrata ancora lontana dai leader e , soprattutto, ancora fortemente incasinata nella gestione degli pneumatici. Al termine della sessione c'è da registrare solo la 4° posizione per Vettel, che non è riuscito a concludere il giro veloce per problemi di sottosterzo e l'11° posizione per Raikkonen. Il Finlandese ha concluso in 6° posizione ma sarà penalizzato di cinque posizioni per la sostituzione della scatola del cambio.

ROSIC TEDESCO Per la prima volta, dopo tre anni, non c'è una prima fila dominata dalla Mercedes a Monaco. Qualche problema di troppo per le due Frecce Argentate di Rosberg e Hamilton che chiudono rispettivamente in e posizione. Non malaccio dopotutto. Ma quello che limita molto i sorrisi in casa Mercedes sono le difficolta tecniche lamentate su entrambe le vetture, dovute a problemi alla erogazione della benzina con  conseguente calo di prestazione del turbo della Power Unit. Chi non sorride per niente è Lewis Hamilton che ormai e alle prese con il millesimo problema della sua monoposto. Di fatto, l'inglese, ha già cambiato 4 unità motrici e se dovesse esserci una  5° unità cambiata, scatteranno le penalizzazioni. Osservando che siamo  solo al sesto appuntamento del mondiale, c'è da stare poco allegri e la piva del Luigi targato Mercedes, parla da sola.

STRATEGIA ESSENZIALE La Red Bull, con la pole position conquistata da Ricciardo, (la prima in carriera sul circuito monegasco) parte, domani, con tutti i favori del pronostico. Certamente la Red bull ha consegnato nelle mani del pilota una vettura straordinariamente bilanciata sia per il grip sia per i cambi di velocita ma è anche vero che la strategia dal muretto sarà essenziale per vincere.  Prima di tutto perché domani in gara è attesa la pioggia. Un fattore che potrà sparigliare le carte in tavola. Ma soprattutto perché Ricciardo partirà con un piccolo handicap. L'australiano ha, infatti, concluso la sua Q2 con le mescole supersoft e non con le ultrasoft. Dunque partirà con le mescole meno performanti e sarà interessante vedere come gestirà la sua gara all'inizio. Riuscirà ad ottenere, lo stesso, un vantaggio sugli avversari, grazie alla pista libera o farà una prima parte di gara difendendosi nei pochi posti dove si può sorpassare? A domani per l'ardua sentenza monegasca!.

DOMENICA Appuntamento a domenica, alle 14.00, su Sky o sulla Rai per la diretta del Gran Premio.


TAGS: ferrari mercedes vettel f1 2016 Raikkonen f1 2016 gp monaco calendario f1 2016 campionato mondiale f1 2016 ricciardo redbull

Allegato Dimensione
Tempi A 170 Kb
Tempi B 147 Kb