Autore:
Simone Dellisanti

NECESSARI MIGLIORAMENTI Più potenza per la Ferrari in Canada…anzi no. Il Cavallino Rampante aveva intenzione di portare sul circuito canadese di Montreal importanti aggiornamenti tecnici per molte parti della monoposto che richiedevano un assoluto bisogno di un upgrade, per colmare alcune lacune e punti deboli. Il lavoro di miglioramento è stato focalizzato sulla sospensione posteriore, sull'ala anteriore e in modo particolare, sulla power unit.

NUOVO TURBO Per il propulsore era previsto un aggiornamento davvero corposo che avrebbe permesso a Vettel e a Raikkonen di usufruire di un più prestante turbo compressore con un miglioramento, anche, del recupero dell'energia. Per far ciò, in quel di Maranello, avevano pensato di sfruttare una deroga da parte della FIA che avrebbe consentito di intervenire in modo corposo sul motore al fine di migliorare l'affidabilità e la sicurezza, senza dover spendere i gettoni necessari per questo tipo di modifiche, come da regolamento. L'idea era quella di giustificare l'intervento facendo rifermento alla strana rottura del turbo sulla monoposto del finlandese Kimi Raikkonen.

IN STAND-BY Ma, secondo le ultime indiscrezioni, la FIA non sembrerebbe intenzionata a far rientrare questa modifica come miglioramento della sicurezza, ma piuttosto come intervento migliorativo. Sembra proprio che, se la Ferrari vorrà partecipare al prossimo GP con un motore più potente, dovrà necessariamente spendere i due gettoni richiesti. Cosi facendo resterebbero solo 3 gettoni per ulteriori sviluppo futuri, davvero troppo pochi se si tengono in considerazione gli 11 ancora a disposizione della Mercedes.

 


TAGS: ferrari fia vettel f1 2016 Raikkonen f1 2016 gp canada calendario f1 2016 campionato mondiale f1 2016