Autore:
Simone Dellisanti

QUINTA TAPPA Dal 13 al 15 maggio, sul circuito di Catalogna in Spagna, prenderà il via la quinta tappa del mondiale 2016 di Formula 1. Ora, cercheremo di conoscere meglio questo storico e tradizionale tracciato con la nostra consueta guida alla gara, facendoci aiutare dalle dichiarazioni degli uomini Ferrari, Sebastian Vettel e Diego Ioverno, responsabile dei reparti di montaggio Ferrari.

UN PO' DI STATISTICHE Prima di leggere le dichiarazioni degli uomini in Rosso, snoccioliamo un po' di dati. Il circuito spagnolo ha ospitato il primo GP di F1 nel lontano 1991, più precisamente il 29 settembre. Con una lunghezza di 4.655 km è uno dei tracciati  più corti di tutta la stagione ed è composto da 16 curve, 9 a destra e 7 a sinistra. Secondo gli annali, il pilota più vincente su questo circuito è stato Michael Schumacher che ha totalizzato 6 vittorie su Ferrari, mentre il record della pista è ancora di dominio del finlandese Kimi Raikkonen, che ha fatto registrare il tempo 1:21,670, sempre sulla Rossa.

TRACCIATO E FRENI Il circuito non è molto impegnativo per l'impianto frenante, quest'ultimo viene impegnato solo per il 18% rispetto al tempo di gara, quindi è poco sollecitato soprattutto grazie ai diversi curvoni veloci. Come dichiarato da Vettel e Ioverno, il Circuit de Barcelona è molto conosciuto dai piloti e dai team perché ha ospitato molti test pre season. Non solo è conosciuto, ma anche uno dei tracciati più amati dai piloti, che grazie al mix di curve ad alta e bassa velocità e ai repentini cambi di direzione che si alternano alle varianti lente, porteranno le scuderie a scegliere set up incentrati sulla trazione, per una vettura equilibrata dal punto di vista dell'aerodinamica.

GOMME E PIT STOP Le mescole saranno la chiave del successo in questo weekend, come sottolinea Sebastian Vettel: "Il tracciato di Catalunya è davvero molto stressante per le gomme, sarà importante studiare una strategia di gara per limitare al minimo l'usura. Il prossimo Gran Premio sarà molto importante per capire che livello di sviluppo ha raggiunto la vettura, oltre che un buon indicatore per capire se saranno possibili ulteriori evoluzioni".

RISVOLTI LOGISTICI  "Il Gran Premio di Spagna sarà la prima gara della stagione dove le vetture e gli altri materiali per il team, saranno inviati via terra e non via aerea, a differenza di quanto accaduto nelle prime quattro gare del mondiale". Queste le parole di Diego Ioverno, responsabile dei reparti di montaggio Ferrari, che sottolinea come questo sarà: "Un cambio importante dal punto di vista operativo che permette al team la possibilità di partire per il weekend di gara senza fretta, cosi che si possano montare le vetture già in azienda, effettuare le dovute verifiche funzionali e guadagnare, cosi, del tempo che può essere speso per rivedere e  riallenare elementi e procedure importanti del team, come le procedure del pit stop  e rifinire la preparazione atletica e psicofisica dei meccanici e degli ingegneri".


TAGS: ferrari sebastian vettel f1 2016 f1 2016 gp spagna calendario f1 2016 campionato mondiale f1 2016 diego ioverno