Autore:
Simone Dellisanti

Il Gran Premio dei Gran Premi, la gara che ogni pilota sogna di vincere almeno una volta nella vita. Come Indy 500 o Le Mans, il gran premio di Monaco è un simbolo dello sport, che, se conquistato, è in grado di catapultare il pilota nell’olimpo motoristico. Un circuito che rappresenta una vera sfida per i piloti, che devono padroneggiare una combinazione di tecnica, precisione e velocità se vogliono uscire vincitori dalle strette vie del Principato. La qualifica del sabato è il vero match point su cui si devono concentrare i team, visto che in gara i sorpassi sono quasi proibitivi e richiedono più concentrazione e coraggio di una qualsiasi altra pista di Formula 1.

Rispetto agli altri tracciati le auto corrono alla massima deportanza e freni sono sfruttati al limite. La curva Portier è la chiave per raggiungere un buon tempo nel giro sul circuito di Monaco. Tale curva è preceduta dal tornante Loeff, la curva più lenta della Formula 1, e seguita dal tunnel, una delle poche sezioni in piano del tracciato. Alcuni grandi nomi hanno terminato le loro corse qui nelle barriere: tra i più famosi, Ayrton SennaMichael Schumacher.
 
Circuito di Monte Carlo
Ubicazione
Stato  Monaco
Località Monte Carlo
Dati generali
Inaugurazione 1929
Lunghezza 3 337 metri
Curve 19
Categorie
Formula 1
GP2
Formula E
Altre serie GP3
Formula 1
Tempo record 1'18"063
Stabilito da Daniel Ricciardo
su Red Bull Racing-Renault
il 24 maggio 2015

 


TAGS: f1 f1 2016 f1 2016 gp monaco f1 gp monaco circuito montecarlo gran premi f1 2016