CONCAVO Alla faccia dei gusci unibody in alluminio, Samsung Nexus S si presenta con un guscio tutto in plastica. Una bella plastica nera, liscia liscia che trasmette una sensazione di buona qualità. Lo schermo non è piatto, è concavo, denominato Contour Display per la sua capacità di adattarsi al profilo del viso ed evitare l’effetto mattonella quando si accosta alla guancia per telefonare. Lo schermo è un ottimo schermo da 4”480x800p super AMOLED con un rivestimento che evita, secondo Samsung, il 75% dei riflessi rispetto alla media dei display ed evita di trattenere le ditate.

GOOGLEFONINO È lui il vero Googlefonino, quello realizzato da Samsung per Google, di cui riporta il logo sul dorso, ed è stato il primo smartphone con l’ottimo Gingerbread, Android in versione 2.3. Ha un processore mono da 1GHz e una bella memoria per l’archiviazione, 16gb, solo 512mb per la RAM. Samsung Nexus S ha due fotocamere, una da 5 megapixel posteriore e una VGA anteriore, ma per i video la risoluzione massima è 480p. È in grado di leggere le informazioni dagli smart tag, da oggetti che incorporano chip NFC.

RIDIMENSIONATO È un bell'oggetto, veloce nell’uso, con uno schermo di qualità e con un’autonomia media della batteria. A prestazioni medie corrisponde però un prezzo di listino oltre la media, 550 euro, che il mercato ha riportato però subito a valori più realistici, poco sopra i 300 euro. A questo prezzo è una ottima scelta.


TAGS: tutto agosto in uno sguardo amoled samsung nexus s contour display Don't worry, be App! Le Android app per viaggiare