Autore:
Matteo Gallucci

TECNOLOGIA Parte da Amburgo il futuro della mobilità di Volkswagen. Proprio nella città tedesca vengono sperimentate le ultime innovazioni della Casa di Wolfsburg grazie alla varietà di infrastrutture moderne che la caratterizzano, che sono particolarmente adatte ai test di sviluppo.

COSA SCEGLIERE Entro la fine di questo anno verrà introdotto proprio ad Amburgo il primo servizio di shuttle full electric on demand. Un altro grande passo per la mobilità connessa e sostenibile visto che gli utenti potranno sfruttare sia le nuove navette dedicate sia i classici mezzi di trasporto urbano. Questo progetto di smart mobility ha il fine di ridurre drasticamente il traffico cittadino e il suo inquinamento e rappresenta solo il primo passo verso ambizioni molto più grandi e condivise.

PRIMA EUROPEA La partnership con la città di Amburgo e le autorità locali prosegue in sinergia anche con lo sviluppo della guida autonoma del Gruppo Volkswagen. Per tutto il 2018 e 2019 continueranno i test su strada dei prototipi a guida autonoma non sono di auto ma anche di camion griffati Man dotati di tecnologia driverless. A bordo sarà sempre presente un tecnico per raccogliere i dati e garantire la sicurezza necessaria.

PARCHEGGIO AUTONOMO In alcune aree chiuse al traffico dell’aeroporto di Amburgo alcune auto del Gruppo Volkswagen (Audi, Porsche e VW) utilizzano già la modalità driverless. Tramite una app dedicata il sistema autonomous parking si avvia e la vettura cercherà parcheggio in maniera completamente autonoma. Anche il “rifornimento energetico” non avrà più bisogno dell’ausilio umano ma sarà completamente gestito dall’auto stessa che si collegherà alla colonnina autonomamente per poi scollegarsi a ricarica ultimata. Questo avviene grazie alle telecamere a 360° e ai sensori di parcheggio già presenti di serie su molto modelli di auto del Gruppo VW. Niente effetti speciali ulteriori per rendere fruibile questa tecnologia il prima possibile. La data stimata per il lancio sul mercato del “parcheggio autonomo” è quella del 2021.

COLLEGAMENTO TOTALE Oltre ai parcheggi la vera sfida da affrontare sarà quella del collaudo tecnologico nel traffico cittadino di Amburgo del V2X ovvero il vehicle-to-everything. In queste condizioni le automobili si collegheranno alle infrastrutture, semafori e parcheggi, combinando tutti i dati per gestire al meglio la velocità di percorrenza ed evitare il traffico. In più, grazie ad una partnership con il corriere DHL, il servizio “We Delivery” permetterà la consegna di pacchi e merci da remoto con la propria auto del Gruppo Volkswagen.


TAGS: volkswagen guida autonoma vw gruppo volkswagen guida autonoma volkswagen