Autore:
Gilberto Milano

Ghia Focus 1992Difficile non averla notata nel 1992, in un padiglione del Lingotto tirato a festa per il 64° Salone di Torino. Troppo bella e originale per passare inosservata. Troppo carica di dettagli, un po' barocca, ma affascinante, con un corrimano a dare slancio alle fiancate, il corpo tondo in vetroresina costruito attorno al telaio della Ford Escort RS Cosworth. 

Aveva un hard top smontabile che scompariva nel bagagliaio, un naso prominente con una vistosa presa d'aria sul cofano spiovente, due piccoli fari sovrapposti, un parabrezza ridotto ai minimi termini, da vera roadster, il pavimento in acciaio e, dentro, un tripudio di pelle in color cuoio chiaro accompagnato da abbondanti inserimenti in legno.

Si fece notare all'epoca, e poi più nulla. Scomparsa, fino a poche settimane fa. Christie's e la Ford l'avevano valutata 100/120 mila dollari, ma un anonimo collezionista non ha voluto rischiare che qualcuno potesse strappargliela e via telefono ha puntato un milione di dollari (1.107.500 con le tasse d'asta). Non c'è stata più storia.

Mercury MC4 1997Più contesa invece la vendita della Mercury MC4, concept di coupé sportiva del 1997 che adotta per prima la soluzione della portiera supplementare poosteriore, come fino all'epoca si era visto sui pick up e ripresa ultimamente su prototipi di vari costruttori. Naso a punta, cura dell'aerodinamica, assenza di montanti centrali, tecnologia aeronauti applicata a molti componenti, ma con i finestrini non funzionanti, era stata valutata tra i 60 e i 120 mila dollari e invece ne ha spuntati 645.000, che tradotti in vecchie lire fanno sempre la bella cifra di 1,3 miliardi.

Ford Mustang Mach III Quotazioni alle stelle anche per la concept Mustang Mach III del 1992, non foss'altro per il nome prestigioso che si porta dietro. Presentata al Salone di Los Angeles del 1993, richiama nella linea la bella concept Focus Ghia di cui è quasi coetanea: due posti, carrozzeria in vetroresina, parabrezza minuscolo, sprovvista di hard top ma dotata di un V8 da 450 cv, era stata valutata dai 100 ai 200 mila dollari e ne ha strappati 491.500, quasi un miliardo di vecchie lire.

Ghia Lagonda VignaleRisultato oltre ogni aspettativa, anche se in tono relativamente minore rispetto ai modelli già citati, quello della Ghia Lagonda Vignale, macchinone che tanto è piaciuto agli addetti ai lavori di dieci anni fa. Costruito nel 1993 dalla Ghia per valutare le potenzialità di realizzare con il marchio Aston Martin una berlinona di lusso a quattro porte, non è mai entrata in produzione. Il nome Vignale è in ricordo del carrozziere torinese scomparso nel 1969, la cui carrozzeria fu assorbita prorpio dalla Ghia. Valutata dai 60 ai 120 mila dollari è stata aggiudicata a 403.500, in pratica 800 milioni di vecchie lire.

1999 Ford ThunderbirdBuon risultato d'asta anche per il prototipo Thunderbird del 1999, un pezzo unico, differente, anche se di poco, dal modello in produzione, con carrozzeria in vetroresina, senza finestrini, parabrezza in plexiglass, vernice brillante. 103.400 dollari per lui, 20 mila in più della stima d'asta.

Meno follie del previsto sono state fatte invece per il

1960 Ghia IXG

prototipo IXG del 1960, una sogliola rossa adatta per battere i record di velocità, disegnata da un giovanissimo Tom Tjaarda, stilista noto in Italia per aver lavorato anche con Pininfarina e con il Centro Stile Fiat. 42.300 dollari per lui, esattamente come previsto dalle stime d'asta. Meglio invece per molti altri prototipi,

1962 Ghia Selene II "Dream Car"

che pur non toccando cifre record hanno ottenuto quotazioni di tutto rispetto. E' l'esempio del fuoristrada Desert Excursion del 1999 battuto a 60.000 $, della Ford Splash del 1988 (60.000 $), della Selene II del 1962 (75.000 $), della Ghia Saetta del 1997, una StreetKa agli antipodi (50.000 $), e di molte altre concept in vendita ( nella gallery, qui sopra a destra, tutte le immagini e i rispettivi valori d'asta).

In totale, tanto per fare i conti in tasca alla Ford, l'asta ha prodotto un incasso quattro milioni di euro, 8 milardi di vecchie lire, che la Casa devolverà in beneficenza.

Questi i risultati finali (escluse le tasse d'asta):

Ford Design Concept
1999 Ford Thunderbird - 88.000 $
2000 Ford Mustang Bullitt - 58.000 $
1991 Ford Contour - 22.000 $
2000 Ford Desert Excursion - 60.000 $
1996 Ford Indigo - 75.000 $
1996 Ford Indigo senza interni - 36.000 $
1998 Ford Libre - 32.000 $
1997 Ford Powerforce - 50.000 $
1994 Ford Power Stroke - 38.000 $
1979 Ford Probe I - 38.000 $
1983 Ford Probe IV - 41.000 $
1983 Ford Probe IV (senza porte) - 10.000 $
1985 Ford Probe V - 17.000 $
1999 Ford Ranger Powerforce 32.000 $
1988 Ford Splash - 60.000 $
1996 Ford Synergy 2010 - 50.000 $
1993 Ford Synthesis 2010 - 16.000 $
1999 Lincoln Blackwood - 45.000 $
1995 Lincoln Sentinel - 40.000 $
1999 Mercury Cougar S - 42.000 $
1995 Mercury Fusion - 15.000 $
1997 Mercury MC4 - 580.000 $
1992 Mustang Mach III - 440.000$
1999 (my) Mercury - 14.000 $

Ghia Design Concept
1982 AC Ghia - 20.000 $
1983 Ghia Altair - 16.000 $
1996 Ghia Arioso - 7.000 $
1983 Ghia Barchetta - 30.000 $
1982 Ghia Brezza Coupe - 20.000 $
1970 Ghia City Car - 17.000 $
1981 Ghia Cockpit - 30.000 $
1992 Ghia Focus - 1.000.000 $
1960 Ghia IXG - 36.000 $
1996 Ghia Lynx - 17.000 $
1975 Ghia Manx - 9.000 $
1983 Ghia Megastar - 38.000 $
1983 Ghia Microsport - 10.000 $
1983- Ghia Mini Max - 4.500 $
1981 Ghia Pockar - 5.000 $
1983 Ghia Quicksilver - 39.000 $
1989 Ghia Saguaro - 5.500 $
1997 Ghia Saetta - 50.000 $
1962 Ghia Selene II 'Dream Car' - 75.000 $
1986 Ghia Shuttler - 9.500 $
1983 Ghia Trio - 11.000 $
1998 Ghia Turing Ka - 18.000 $
1989 Ghia Via - 13.000 $
1996 Ghia Vivace - 6.500 $
1990 Ghia Zag - 25.000 $
1990 Ghia Zig - 42.000 $
1993 Lagonda Vignale - 360.000 $