Autore:
Fabio Cormio

Secondo quanto affermato da una rivista giapponese, la Yomiuri Shimbun, la BMW avrebbe infatti raggiunto un accordo di massima con la Toyota Motor Corp per l’acquisto di 30.000 motori diesel all’anno, il trenta percento dei quali dovrebbe essere montato proprio sulle Mini (marchio di proprietà della Casa di Monaco) di nuova generazione. Con tutta probabilità saranno gli stessi montati sulla Yaris diesel, che arriverà presto nei saloni dei concessionari italiani.

Toyota non dà la conferma di quest’accordo

, ma nemmeno smentisce, lasciando intendere che le trattative sono in corso (e lo saranno probabilmente fino a fine ottobre). In effetti in BMW la richiesta di propulsori diesel è cresciuta in misura esponenziale negli ultimi anni, e le previsioni sono rosee, al punto che per il colosso bavarese potrebbe diventare difficile soddisfare tutte le richieste.

I motori in oggetto non saranno comunque importati dal Giappone, bensì prodotti nel nuovo stabilimento europeo della Casa delle Tre Ellissi, frutto dell’accordo tra Toyota e il gruppo PSA. Lo Yomiuri Shimbun non a caso sostiene che BMW potrebbe essere interessata all’acquisto anche di motori diesel Peugeot.