Autore:
Gilberto Milano

L’elogio, pur di parte (è stato espresso dalla Unrae, l’Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri) è rivolto all’opera di richiamo delle vetture con difetti di costruzione avviata dal Ministero dei Trasporti, e all'istituzione di un Albo dei richiami e di un sito internet dove trovare il quadro completo delle campagne in atto.

Sono state 29 finora le campagne di richiamo avviate dal Ministero

e hanno riguardato 100 differenti modelli tra auto, veicoli commerciali, industriali e bus. In totale 800 mila veicoli di cui 340 mila già controllati. Sei di queste sono definitivamente concluse e hanno portato ai richiami di sette diversi modelli, con circa 35 mila veicoli controllati. Un record se si pensa che la campagna è stata avviata all’inizio del 2001, che allinea l’Italia ai Paesi più evoluti in materia.

Ora resta solo da raggiungere tutti i possessori delle vetture richiamate

: secondo l’Unrae, le azioni di controllo su veicoli con nove o dieci anni di vita sono le più difficili da portare a termine. A tale scopo l’Associazione dei costruttori esteri si è presa la briga di curare l’aggiornamento degli indirizzi con tutti i sistemi a disposizione: elenchi telefonici, fonti ufficiali, archivi.

L’Unrae ha inoltre istituito un proprio sito internet dove è sufficiente inserire il numero di targa della propria auto per sapere se è in corso un’azione di controllo, con la descrizione del difetto riscontrato e il tipo di riparazione a cui deve essere sottoposta, oltre che l’indirizzo del concessionario dove effettuarla.