Autore:
Fermani Giulia

C’E’ IMPOSTA PER TE Lei: “Ehi, ti sei ricordato di fare la revisione? E’ scaduta”. Lui: “No, andrò nei prossimi giorni. Tanto chi vuoi che mi fermi?”. Ecco, da adesso questo non potrà più accadere. Non che prima fosse lecito né consigliabile, è chiaro, ma da Gennaio di quest’anno gli sbadati che dimenticano di revisionare l’auto troveranno una brutta sorpresa nella casella della posta. Avete capito bene: multa in arrivo.

OCCHIO DI FALCO Se, prima, per incappare in una multa per mancata revisione bisognava essere fisicamente fermati da un vigile e pizzicati con la revisione scaduta, ora il computer non vi lascia scampo. L’informatizzazione delle procedure di controllo prevede infatti l’invio direttamente a casa della sgradita missivaLa sanzione? 155 euro da pagare sull’unghia e il ritiro provvisorio del libretto di circolazione, finché non ci si rimette in regola. E per furbetti che pensano di farla franca e verranno colti a circolare ugualmente, la multa sarà di 639 euro, con l’aggiunta del fermo amministrativo del veicolo.

PAGA DA FERMA Attenzione, non è finita. Va specificato anche che nuova normativa si riferisce anche a quei veicoli fermi nel box da tempo immemore e non utilizzati. Si può quindi dire addio alla cara vecchia auto “di scorta”,  a meno che non si sia disposti a mettere mano al portafogli per la revisione biennale. L’unica buona notizia, se così si può definire, è che la tempistica della revisione è rimasta invariata: una prima revisione andrà effettuata dopo 4 anni dall’immatricolazione e successivamente ogni due anni. Consoliamoci così.


TAGS: revisione casa euro attenzione arriva caso libretto circolazione multa sospensione ritardo sanzione