Autore:
Luca Cereda

MULTIMEDIA C’era una volta l’autoradio estraibile, che pesava qualche chiletto e te la portavi appresso come una zavorra. Altri tempi, altre auto, di cui non resta che una cartolina sbiadita. Oggi nelle auto imperano i dispositivi di infotainment. Sistemi che, col passare del tempo, finiscono per somigliare sempre di più ai telefonini e ai tablet di ultimo grido, non solo nelle funzioni ma anche nell’estetica. La riprova, l’ennesima, arriva dai Parrot Asteroid, una gamma a tre pezzi di dispositivi multimediali aftermarket basati su sistema Android che integrano infotainment, musica, navigazione e telefonia vivavoce.

PER DUE In ordine di complessità, e quindi di prezzo, gli Asteroid si chiamano Mini, Tablet e Smart. Tutti muniti di antenna GPS, caratterizzati da connettività multipla (USB 3G, Bluetooth e, per alcuni, anche wifi) e supportati da uno store di application, l’Asteroid market, al quale si accede direttamente dai tre dispositivi se si dispone di una connessione (attraverso chiavetta, col cellulare via tethering o tramite una connessione wifi pubblica) per scaricare; le app dedicate spaziano dalla musica (Deezer) al meteo, passando per altre più specificatamente funzionali alla navigazione (Fuel For Less, Best Parking, Parrot Maps, ecc.). Ciascun dispositivo Asteroid può essere accoppiato a due smartphone: quello personale e quello di lavoro, ad esempio.

MINI Non costano poco, i Parrot Asteroid. Si parte dai 249 euro del Mini, che ha uno schermo da 3,2’’, da installare sul cruscotto, e si governa con un telecomando wireless da posizionare sul volante. Le dimensioni più che tascabili ne fanno il più comodo dei tre in termini di portabilità. Ma in ottica di guida, il discorso cambia: comandi e visualizzazione rimpiccioliti richiedono infatti uno sforzo superiore da parte di chi sta al volante.

TABLET Con cento euro in più si può però passare allo schermo touch. L’Asteroid Tablet (349 euro) infatti ha uno schermo multitouch da 5 pollici, un supporto riposizionabile e un’interfaccia simile ai tablet Android, cosicché il menu si naviga con un dito, mentre il telecomando wireless con pannello tattile serve a gestire la ricerca vocale dei contatti in rubrica o della musica preferita. Oltre al touch, con il Tablet arriva anche la possibilità di connettersi ad un network wifi per accedere al market delle app.

SMART Non basta? C’è l’Asteroid Smart, top-di-gamma dall’alto dei suoi 549 euro di scontrino (installazione esclusa, ovviamente, come per gli altri). La dotazione però è di prim’ordine: display touch da pollice, sistema di navigazione onboard completo, connettività wifi e connettori multipli (6 RCA, 1 video input e 1 video output). L’Asteroid Smart, che ha un formato 2DIN e si monta a filo della plancia, può ovviare pure all’assenza di una rear camera di serie: se collegato a una telecamerina posteriore, infatti, permette di monitorare sullo schermo le operazioni di retromarcia.   


TAGS: parrot asteroid tablet mini e smart