Autore:
Emanuele Colombo

LA PRIUS NON PASSA PIÙ GRATIS Le auto ibride entrano gratis nei centri storici? Potrebbe sembrare un fatto scontato, ma le ultime notizie dimostrano che non è così. Un cambiamento nel modo in cui vengono calcolate le emissioni di CO2 ha fatto si che, a partire dal 1 febbraio 2018, i nuovi proprietari di Toyota Prius dovranno pagare la Congestion Charge di Londra: una sorta di Area C del Regno Unito.

CAMBIANO I TEST Tutto dipende dall'introduzione, il primo settembre 2017, del WLTC (Worldwide harmonized Light vehicles Test Cycle), che ha preso il posto del precedente test NEDC e anticipa la più ampia procedura WLTP (Worldwide harmonized Light vehicles Test Procedure), la cui entrata in vigore è prevista nel 2019.

ANCHE IL BOLLO AUMENTA Risultato: l'ibrida Toyota, che produceva ufficialmente 70 g/km di CO2 se equipaggiata di cerchi da 15 pollici, ora è accreditata di 78 g/km (che diventano 82 g/km quando l'auto è munita di ruote da 17 pollici). Superato il valore soglia di 75 g/km scatta l'obbligo del pagamento di 11,50 sterline, pari a 13 euro. Anche la tassa di circolazione è aumentata, passando da 15 a 90 sterline, ossia da 17 a 102 euro circa.

IN BUONA COMPAGNIA I rincari non dovrebbero interessare le Prius Plug-in, le cui emissioni dichiarate di 22 g/km le pongono ben al disotto dei limiti della Congestion Charge, a prescindere dal metodo di misurazione. Va detto che la Prius è stata presa a esempio in quanto auto-simbolo nel settore delle ibride, ma se l'esenzione è valutata in base alla CO2 calcolata in fase di omologazione è certo che molti altri modelli ne seguiranno le sorti.

IN ITALIA È PIÙ FACILE Viceversa, tanto per tornare in Italia, l'Area C di Milano non tiene conto dei rilevamenti specifici, ma ammette l'ingresso di ibride ed elettriche senza ulteriori distinzioni: nel Bel Paese, le auto a propulsione alternativa hanno vita più facile che in Inghilterra. Almeno per ora.


TAGS: toyota prius auto ibride area c Toyota Prius plug-in congestion charge agevolazioni auto ibride vantaggi auto ibride auto ibride area c esenzioni area c esenzioni congestion charge