Autore:
Ronny Mengo

Ecco perchè Bentley non ci ha pensato troppo e si è messa a infiocchettare una creazione unica e dedicata. Nome: "State Limousine", da recapitare direttamente a Sua Maestà Elisabetta II, in occasione del cinquantesimo anniversario del regno.

E’ la prima volta che la Queen viaggerà a bordo della grande "B" – ora del

gruppo Volkswagen -, già che le sue preferenze in fatto di spostamenti si erano sempre indirizzate verso i cugini Rolls Royce. La prima RR, una Phantom IV, arrivò a Buckingam Palace nel 1950, seguita da altri quattro esemplari, due Phantom V e due Phantom VI, negli anni successivi: l’ultima arrivò nell’87.

La Bentley State Limousine, a differenza delle precedenti auto regali, è un pezzo unico e non un modello di produzione semplicemente modificato ad arte. Il direttore design Dirk van Braeckel e il responsabile dello stile Crispin Marshfield iniziarono a metterci mano nel febbraio del 2000, per poi presentare i disegni a corte nel maggio successivo. Da lì, il benestare della Corona – con minimi cambiamenti richiesti – e il via ai lavori in quel di Crewe, a testa bassa.

Immaginabile la generosità di spazio dei sedili posteriori, quelli della Regina e del Duca di Edinburgo, e le grandi dimensioni dei cristalli laterali, con i montanti ben distanziati per facilitare la visibilità e permettere alla folla festante di vedere per bene i saluti del sangue blu.

Nessuna notizia sulle specifiche meccaniche dell’auto, si sapranno nell’arco del prossimo maggio, quando sarà ufficialmente presentata a Palazzo.

 


TAGS: la bentley della regina