Autore:
Paolo Sardi

Il casco è per un pilota ben più di una semplice protezione per la testa. È una bandiera, qualcosa che lo rappresenta e non sono rari i casi di piloti rimasti per tutta la carriera fedeli a determinati colori. Altre volte, però, il casco può diventare anche uno strumento per comunicare qualcosa o per celebrare momenti e gare particolari.

Chi ultimamente sta dando sfogo alla fantasia è Vitantonio Liuzzi, che, dopo essersi fatto aerografare un torero in occasione del GP di Spagna, sfoggia sullla griglia di partenza del GP di Monaco un casco completamente inedito, firmato Kaos Design. A parte la grande scritta Montecarlo realizzata in foglia d'oro sulla calotta in carbonio, a carettarizzarlo c'è una gran quantità di dobloni con il buon Liuzzi che cerca di farne incetta nelle vesti di pirata. La speranza è però che la nuova grafica porti soprattutto fortuna e aiuti il pilota a raccogliere i primi punti in campionato.


TAGS: formula 1 montecarlo kaos design vitantonio liuzzi tonio gp di monaco force india