Autore:
Simone Coggi

CHI SI CONTENTA Una vicenda che certo non farà piacere a nessuno. Né ai clienti, che sono costretti al fastidio di una visita non prevista in officina, né alle case stesse che, oltre al danno d’immagine, devono sobbarcarsi l’onere dell’operazione. In questo caso, si parla di 40 milioni di euro per la casa del diamante e 4 per la “grande H”. C’è una buona notizia (forse): entrambe le case affermano che la spesa non avrà impatti sul livello dei profitti. Contente loro.

BERLINE ALLA BERLINA La Mitsubishi è costretta a verificare le condizioni di più di 360.000 auto in giro per il mondo, con 220.000 nel solo Giappone. Oggetto del richiamo sono le berline Galant, Galant Aspire e Legnum, costruite tra l’Agosto del 1996 ed il marzo del 2001: si sono verificati sei casi di giunti difettosi nella sospensione anteriore, un numero sufficiente a far scattare l’allarme. Non sappiamo se il richiamo coinvolga il nostro paese, quindi vigilate e, nel caso, date un’occhiata là sotto.

Mitsubishi GrandisCOME PIOVE E poi c’è la notizia più fastidiosa, anche se per noi italiani ancora innocua: il nuovo Grandis non fa a tempo ad essere presentato, che è costretto ad un precipitoso richiamo. Undicimila esemplari del nuovo Minivan, modello cardine del piano di ripresa della Casa, prodotti tra Aprile e Luglio di quest’anno (ancora non sono importati in Europa) devono verificare il motore del tergicristallo anteriore, dopo che sono stati riscontrati difetti su 51 esemplari. O si cambia, o si rischia di doversi arrangiare con uno straccio. 

Honda CR-VPERICOLO DI VITI Honda, da parte sua, richiama – solo in Giappone – 213.209 auto, tra Stream, CR-V, Integra e Civic costruite tra l’ottobre 2000 e il giugno 2002. Pare che in otto casi si sia allentata una vite del servosterzo, mettendo fuori uso, appunto, lo sterzo. Quello che preoccupa maggiormente è il fatto che altre 235.000 unità di questi modelli sono state esportate negli USA, in Australia, Canada e Inghilterra, e ancora non è stato deciso se lanciare l’allarme. Ed il richiamo conseguente.


TAGS: il ritorno dei samurai