Autore:
Fabio Cormio

La rete informativa OnStar, che fa capo alla General Motors ed è disponibile per ora solo per i clienti americani, ha arricchito i propri servizi di un sistema di aggiornamento in tempo reale sulle condizioni del traffico che ha caratteristiche profondamente innovative, coerenti anche ad una reale attenzione alla sicurezza stradale.

In pratica, come già avviene anche in Germania, le notizie sul traffico si ascoltano attraverso le casse dello stereo, ma la novità OnStar è che i dati sono personalizzati, sono cioè adeguati alla posizione e all’itinerario dell’auto dell’utente. Il sistema è molto semplice da usare: schiacciando un pulsante lo si mette in funzione, e una voce femminile esordisce chiedendo al guidatore di quale sevizio si voglia avvalere. È sufficiente rispondere "Virtual Advisor" per far sì che l’amica virtuale cominci a sciorinare la lista delle informazioni disponibili. Per sapere immediatamente dove il traffico è rallentato o fermo, il guidatore deve pronunciare "Get traffic report".

Il servizio è disponibile sui modelli GM più recenti, ed ha un costo di abbonamento annuale di circa 400 dollari (poco più di 820 mila lire) oltre, ovviamente, alla spesa per i minuti effettivi di connessione. Se ci si trasferisce, o semplicemente si cambia l’itinerario casa-ufficio, basterà inserire i nuovi dati al sito del servizio e sarà un po’ come avvertire la gentile signorina dei nostri spostamenti. A quando un servizio simile anche in Italia?


TAGS: gm dichiara guerra al traffico