Per saperlo abbiamo avviato il sondaggio on line qui a fianco, a cui si può partecipare esprimendo un unico voto per lettore. Il risultato comparirà immediatamente dopo, appena dato l'ok.

Le ipotesi sottoposte al vaglio dei lettori sono quelle di cui si parla ormai da settimane: intervento dello Stato attraverso l'acquisto di quote azionarie previa accettazione del piano industriale presentato dalla Fiat; nazionalizzazione della Fiat, che passerebbe interamente sotto il controllo del Governo, manager compresi; intervento diretto della famiglia Agnelli che impiegherebbe gli utili delle altre società del Gruppo per sanare i buchi dell'auto; acquisto anticipato da parte di General Motors. A questi abbiamo aggiunto un quesito emerso in quest'ultima settimana, con l'ipotesi appunto del coinvolgimento della Ferrari. Questo potrebbe manifestarsi attraverso due soluzioni differenti: la prima con il conferimento dell’azienda di Maranello direttamente in Fiat Auto, con i conseguenti benefici “pratici” per il Gruppo automobilistico; la seconda con la costituzione di un polo del lusso, sfilando l’Alfa dall’ombrello Fiat per portarla in Ferrari-Maserati. Qui il tutto sarebbe affidato alle cure di un management che ha già dimostrato di saperci fare con le rosse e che ora si sta ripetendo con la Casa del Tridente. 

TAGS: ferrari tappabuchi