Continua lo sviluppo della macchina che sarà protagonista del monomarca, di uno dei monomarca più eleganti che si disputino. A immagine e somiglianza della cugina/sorella più rossa: Ferrari Challenge di là, Maserati Trofeo di qua. Sette gare nei principali autodromi: Francia, Germania, Italia, Spagna e Inghilterra. Prove su prove, iniziate un paio di mesi fa con un certo Luca Badoer alla guida e continuate ieri, con Giovanardi dietro il volante. Cambiocorsa tra le dita.

Vista, assaporata e fotografata, in tutto il suo splendore, nel caldo di

Imola. Eccovi una manciata di scatti della due porte che esaspera per bene l'ultima creazione di Casa. Quella Coupè che, uscita dal concessionario, presenta il nuovo otto cilindri a V di novanta gradi, 4244 cc di cilindrata, leggero (184 kg) e compatto: da competizione, insomma. Lubrificazione a carter secco, gruppo pompe esterno al monoblocco e testate a quattro valvole per cilindro, e 390 cavalli a 7000 giri al minuto con una coppia di 451 Nm (46 kgm) a 4500 giri. Prestazioni: 285 orari.Robe che messe in pista e ritoccate per bene, fanno prevedere adrenalina per chi sarà dentro e per chi sarà fuori dalla macchina. Loro, gli uomini del test team, continuano a cronometrare, sporcarsi le mani, studiare la telemetria, verificare lo stato delle gomme - Pìrelli -, il tutto nell'impaccabile divisa: panta blu e camicia beige. Senza cifre, ma con il loghino bello in risalto: Maserati Trofeo, più il Tridente nell'ovale. A presto. Per vederla dal vivo, ferma, appuntamento al Salone di Parigi.