Autore:
Marco Congiu

SFIDA ACCETTATA Diciamocelo chiaramente: guidare nel caos di San Francisco non è una delle attività più semplici per un umano, figurarsi per un’auto a guida autonoma. Eppure, la Chervolet Bolt autonoma ci è riuscita praticamente senza problemi. L’elettrica di General Motors ha guidato nella metropoli californiana di notte per oltre 90 minuti prima che il “conducente” fosse chiamato a qualche tipo di intervento.

FUTURO AUTONOMO La guida autonoma, nel prossimo periodo, diventerà praticamente di serie per le autovetture. Si tratta di un sistema di ausilio che si sostituisce all’umano nei tratti noiosi o lunghi – come ad esempio le code – e che sarà disponibile al grande pubblico verosimilmente entro la metà del 2020, a giudicare dai proclami dei maggiori costruttori.


TAGS: chevrolet bolt chevrolet bolt