Autore:
Luca Cereda

PRESO ALLA PRESA E’ proprio il caso di dirlo: sono cose dell’altro mondo. Un cittadino americano ha tentato di scroccare il “pieno” per la sua Nissan Leaf e, qualche giorno più tardi, è finito dietro le sbarre. Il motivo? Si era allacciato senza alcuna autorizzazione alla presa della scuola media di Chamblee (Georgia), dove il figlio andava a prendere lezioni di tennis. Su di lui ora pende un’accusa di furto.

I CONTI NON TORNANO Per questa furbata Kaveh Kamooneh (così si chiama il briccone, che, lo chiariamo, non è l’uomo nella foto) si è fatto ben 15 ore di galera. E, oltre al danno, ha incassato la beffa. Perché per risparmiare circa cinque centesimi di dollaro, corrispettivo in denaro di una ventina di minuti di ricarica a sbafo, ha poi dovuto pagare 150 dollari di cauzione. Una volta rilasciato, Kamooneh non ha celato una certa stizza: “Ora mi aspetto che arrestino anche chi beve acqua e carica i cellulari in giro”, ha detto all’ABC. C’era una volta chi succhiava benzina dai serbatoi…


TAGS: auto elettriche nissan leaf