Autore:
Lorenzo Centenari

SPLITTA IL VIAGGIO C'è più gusto a condividere. E soprattutto, la condivisione ha un enorme potenziale come efficace leva di business. Entro il 2022, il parco utenti che nel mondo usufruiranno di servizi di ride sharing in ogni sua accezione crescerà del 60%, raggiungendo quota 685 milioni. Pioniere nelle tecnologie associate all'automobile, Bosch fiuta il trend e acquista Splitting Fares, o SPLT, start-up con sede a Detroit attiva nel settore del trasporto condiviso. Proprio come i suoi nuovi proprietari, l'app messa a punto da Splitting Fares è particolarmente innovativa. Vediamo perché.

FASCIA PROTETTA Il principio del car sharing non è nuovo. Molteplici sono le soluzioni digitali implementate a beneficio di chi voglia viaggiare al risparmio, condividendo il mezzo con altri utenti. Finora, tuttavia, i principali destinatari sono state persone che percorrono lo stesso tragitto occasionalmente, oppure che si rivolgono alla filosofia "sharing" solo in caso di emergenza. Al contrario, assai inferiori sono i servizi espressamente dedicati ad aziende e pendolari, a torto considerati un target secondario. SPLT punta a colmare il gap, ammiccando proprio alla fascia dei viaggiatori sistematici. 

APP DI MATCHING La piattaforma sviluppata da SPLT è dunque pensata per il personale delle aziende o gli studenti universitari che quotidianamente pendolano da casa a destinazione. L’app sulla quale Bosch ha da poco messo le mani permette infatti di condividere il mezzo di trasporto tra persone che lavorano o studiano nello stesso luogo, neutralizzando così il disagio di salire a bordo con perfetti sconosciuti. Come funziona? In pochi secondi, un algoritmo individua un potenziale partner di viaggio e calcola l’itinerario più veloce in base al traffico, coordinando anche il luogo e l’ora di partenza. 

ECO CAR SHARING "La connettività ci offre spunti per ripensare non solo all’auto in sé, ma anche al nostro modo di utilizzare i mezzi di trasporto in generale", commenta Volkmar Denner, presidente del Cda di Bosch, in occasione del Bosch ConnectedWorld 2018 di Berlino. Il ride sharing come modello industriale, ma anche come contributo a una circolazione più ecologia e meno congestionata. Numerosi gli studi che dimostrano come le automobili, specialmente nelle ore di punta, siano abitata dal solo guidatore. Il car pooling farà ordine nel caos della rush hour. E recarsi in ufficio ogni mattina non sarà così pesante. Parola di Bosch.


TAGS: Bosch auto connessa Bosch mobilità del futuro Bosch ride sharing Bosch SPLT Bosch Splitting Fares Bosch car sharing Bosch mobilità condivisa Bosch trasporto condiviso Bosch ConnectedWorld 2018 Bosch connettività Bosch app ride sharing Bosch innovazione auto