Autore:
Gilberto Milano

20 ANNI FA "Io c'ero". Sarebbe stato bello poterlo affermare durante la festa per i 20 anni di BMW - Guidare Pilotare, la Scuola di Guida Sicura di Siegfried Stohr supportata dal 1985 dalla Casa bavarese. Non è stato possibile per un solo anno: era il 1986 quando ho avuto per la prima volta Stohr come istruttore, un anno dopo l'avvio della sua partnership con Bmw e quattro dalla nascita della sua scuola, la prima a mettere a disposizione degli allievi l'esperienza di guida di un pilota di Formula Uno e la prima a inserire l'insegnamento della guida nell'ambito della sicurezza automobilistica.

EMOZIONI DA GUIDARE Vent'anni sono un bel traguardo, e per alcuni anche il momento di tirare i remi in barca. Non per Stohr però, che da allora non ha mai smesso di perfezionarsi, di aggiungere qualità e innovazione ai suoi corsi, introducendo prima le telecamere in auto e poi i grandi mezzi offerti dalla telematica, come le telecamere abbinate al computer. Il tutto senza mai tradire il presupposto filosofico del suo metodo: "la sicurezza è prima di tutto il frutto di un equilibrio mentale".

A SCUOLA CON BMW Bmw da parte sua ha il merito di essere stata la prima Casa automobilistica a considerare un corso di guida alla stregua di un qualsiasi sistema di sicurezza. Dal 1985 il sodalizio con Stohr è sempre stato intenso. E continua a esserlo, con la Casa bavarese che fornisce alla Scuola di Stohr le proprie auto, aggiornandole ogni volta con i nuovi modelli, fino ad aggiungere le Mini da quando sono state disponibili.

PASSI DA GIGANTE Scuole di guida a parte, la sicurezza di un'auto è l'insieme di una infinità di altri componenti, di sistemi di controllo, di sistemi di intervento in aiuto al pilota che facilitano la guida e intervengono a prevenire e correggere eventuali errori. L'attore principale rimane l'uomo e la sua mente, ma la tecnologia ha compiuto passi da gigante. Negli ultimi anni, grazie a elettronica e telematica, si sono raggiunti traguardi impensabili solo un decennio fa. Obiettivi ottenuti passo dopo passo, conquista dopo conquista, che meritano più di una riflessione. Come quella che vi proponiamo di fare scorrendo l'elenco (qui sotto) delle novità introdotte negli ultimi 50 anni sulle vetture Bmw.

RICERCA E SVILUPPO Non sempre la Casa bavarese è arrivata prima al traguardo di una innovazione, ma lo scopo non è tanto quello di dimostrare come sono bravi a Monaco e come sono sicure le Bmw, quanto di far capire, con un po' di storia, gli enormi progressi compiuti nel campo della sicurezza automobilistica. E quanto di quello che oggi diamo per scontato su un'auto sia poi frutto di enormi studi e investimenti. 

AnnoInnovazioneVantaggi1956Impianto tergiparabrezzaPulizia del cristallo da acqua o sporcizia.1957Assale a bracci obliquiMinor variazione dell'angolo di campanatura, minor comportamento autosterzante della vettura.1958Pastiglie freniMaggior stabilità e direzionabilità della vettura in frenata, miglior resistenza alla temperatura e diminuzione degli spazi di frenata.1961Cinture di sicurezza a tre puntiGli occupanti della vettura sono solidali con la vettura stessa. Riduce l'impatto con le zone interne.1961Pneumatici radialiMaggior precisione nella sterzata, riduzione degli spazi di frenata.1962Deformazione programmata del cofano motore e ganci di sicurezzaEvita la penetrazione del cofano all'interno dell'abitacolo.1968PoggiatestaRiduce i danni alla colonna vertebrale in caso di urto posteriore.1968Regolazione di livelloMigliore comportamento di guida con carico, minor abbagliamento vetture in senso contrario.1971Roll Bar fisso per cabrioGarantisce uno spazio vitale in caso di ribaltamento.1972Cellula di sopravvivenza rigida con zone a deformazione programmataConcede uno spazio vitale in caso di incidente. Riduce la decelerazione mediante l'assorbimento dell'urto in zone a deformazione programmata.1972Proiettori AlogeniMigliore illuminazione e maggior profondità del fascio luminoso. Maggior durata del componente.1973Lava e tergi fariRimuove lo strato di sporco dal vetro del proiettore.1976Check ControlAnomalie di funzionamento di componenti importanti vengono indicati per tempo, evita in questo modo mancanze di funzionamento dell'impianto frenante o evita che la vettura si fermi in luoghi pericolosi.1977Assale anteriore a doppio snodoOttimizza la geometria di sterzo migliorandone la precisione.1977Servofreno idraulicoAumento della forza frenante, maggior numero di frenate possibili senza assistenza motore.1977Servosterzo dipendente dal numero di giriBuon ritorno dello sterzo a tutte le velocità, minor sforzo al volante.1979Specchietto esterno riscaldatoMaggior visuale dello specchietto nelle condizioni di freddo ed umidità.1979ABSPossibilità di controllo della sterzata durante la frenata. Maggior stabilità direzionale in frenata.1980Board ComputerSegnalazione gelo, segnalazione autonomia, codifica antifurto.1984AirbagEvita il contatto dei passeggeri contro il volante e la strumentazione.1984Pneumatici con caratteristiche di emergenzaMaggior stabilità direzionale. Dopo sgonfiamento del pneumatico la vettura può essere guidata in sicurezza fino all'officina più vicina. 1986Regolazione automatica della cintura rispetto la posizione di guidaMigliora l'avvolgimento della cintura con differenti taglie dell'occupante.1986Proiettore ellissoidaleMigliora l'illuminazione vicino alla vettura, miglior copertura dell'illuminazione in curva.1986Regolazione della pressione di contatto della spazzolaNessun saltellamento della spazzola nel caso il cristallo sia poco bagnato.1986Servosterzo dipendente dalla velocitàMinor sforzo al volante durante la guida a bassa velocità, minor assistenza ad alta velocità.1989Specchietto interno automatico antiabbaglianteRegolazione elettrocromatica per evitare abbagliamenti dalle vetture che seguono.1987Controllo slittamento in trazione (ASC)Trazione ottimizzata e stabilità di direzione durante la fase di accelerazione e rilascio.1990Airbag lato passeggeroProtezione anche per il passeggero anteriore (di serie dal 1992).1990Cinture integrate nel sedile. Regolazione in altezza della cintura sul poggiatestaSedile più stabile, minor sollecitazione del corpo in caso di incidente. Svolgimento della cintura ottimizzato.1990Assale integrale posteriorePerfetto trasferimento di carico sull'assale posteriore. Effetto autosterzante.1991Assistente parcheggio (PDC)Durante la manovra mette in guardia da collisioni, copre anche zone basse con scarsa visibilità.1992Assale posteriore sterzanteMigliora l'impostazione della curva grazie ad una cinematica attiva dell'assale posteriore1993Roll Bar a scomparsa per cabrioConcede automaticamente uno spazio vitale.1994Sensore riconoscimento sedileEvita l'attivazione dell'airbag passeggero quando il sedile non è occupato.1994Sistema di NavigazioneDiminuzione della distrazione del guidatore nel seguire la rotta le cartine o indicazioni stradali.1994Luci allo XenoMaggior illuminazione e maggior profondità del fascio luminoso. Il flusso luminoso supera i 3.000 lumen, più del doppio di una lampada alogena.1995Sensore pioggia RLSIl sensore, posizionato al bordo interno superiore del parabrezza, comanda automaticamente gli intervalli di battuta del tergicristalli.1996Airbag lateraliProtezione per gli urti laterali.1996Limitatore della tensione delle cintureRiduce i danni provocati dalla cintura in caso di forti urti.1997Airbag per la testaProtegge la testa in caso di urto laterale. Viene contenuto il corpo all'interno della sagoma della vettura.1997Protezione cortocircuiti in caso di incidenteScollegamento del polo positivo per evitare cortocircuiti a seguito di un incidente.1997Dynamic Stability Control DSCIl DSC controlla la dinamica della vettura in tutte le condizioni di marcia: accelerazione, frenata, rilascio e variazione di carico. Una serie di sensori effettua il monitoraggio permanente dell'assetto, rilevando la velocità di marcia, l'accelerazione trasversale e l'angolo di imbardata, e in base a questi dati calcola lo stato istantaneo della vettura.1998Smart airbagSuperata la soglia di attivazione, l'airbag a due stadi è la soluzione che permette di adattare la progressione del gonfiaggio all'intensità dell'impatto.1998Controllo funzionale dei gruppi ottici posterioriIl buon funzionamento di ogni lampadina è testato periodicamente con un brevissimo impulso di tensione. Se l'impulso non dovesse ritornare, il sistema capisce che la lampadina è guasta. Se una lampadina non funziona si sostituisce automaticamente con quella più vicina (es. la luce stop).1998Misura pressione pneumaticoMette in guardia da una perdita di pressione dei pneumatici.1998Cornering Brake Control CBCAumenta la stabilità nelle curve veloci in caso di frenata leggera.1999Luci di stop al neonMaggior luminosità e velocità di accensione.1999Airbag per la testa posterioriEstende la protezione ai sedili posteriori.1999Hill Descent Control HDCLa funzione è attivabile sulle macchine a trazione integrale e si basa sul DSC, rendendo l'auto ancora più controllabile nelle discesi ripide.2001Poggiatesta attiviIn caso di urto posteriore il poggiatesta si sposta in avanti.2001Freno automatico di parcheggioFreno di parcheggio elettromeccanico attuato automaticamente. Viene tra le altre cose evitato il tipico scorrimento al minimo o la retrocessione nelle partenze in salita.2001Brake Force Display BFDLa superficie e la luminosità delle luci di stop variano in funzione dell'intensità di frenata. Segnala per tempo a chi segue una frenata di emergenza. (dal 2003 in Italia)2001Luci stop a LEDMaggior velocità di accensione con grande vantaggio per gli automobilisti che seguono, riducendo il rischio di tamponamenti.2001iDriveUna interfaccia uomo macchina che permette di eliminare tasti all'interno della vettura.2001Sistema airbag - ASECentraline satellite con trasferimento dati tramite fibre ottiche, migliora il riconoscimento della direzione e dell'intensità dell'urto.2001Dynamic DriveBarre di torsione attive. Viene eliminato il rollìo della vettura in curva. Migliora il comportamento in curva in tutte le condizioni di marcia. 2003FLC accensione automatica abbagliantiMigliora la condizione fisica e l'attenzione del guidatore, assicura l'illuminazione sufficiente anche all'entrata in galleria, nei parcheggi sotterranei oppure in caso di pioggia o neve.2003xDriveTrazione integrale integrata con il DSC. Migliora la dinamica di marcia, evita i fenomeni di sovrasterzo.2003Bi-XenoEstende i vantaggi del proiettore xeno anche ai fari abbaglianti.2003ALC Adaptive Light ControlAccensione automatica dei fari anabbaglianti e il fascio luminoso segue la curva. Diverse ricerche hanno dimostrato che, grazie ai fari orientabili, aumenta del 34% la riconoscibilità di oggetti presenti sulla sede stradale.2003Active SteeringIn funzione della velocità e dell'angolo di sterzata al volante, l'Active Steering decide la reale escursione di sterzata alla ruota, aumentando o riducendo l'angolo di sterzata desiderato dal guidatore.2003Head Up DisplayAlcune indicazioni utili per il guidatore vengono proiettate direttamente sul parabrezza. Non si distoglie lo sguardo dalla strada con un contributo notevole alla sicurezza attiva.2003Airbag per la testa esteso, a tendinaViene migliorata la protezione della testa anche per i passeggeri posteriori.2003Controllo di stabilità del mezzo trainatoViene effettuato il controllo automatico degli eventuali movimenti pendolari del convoglio causati dal mezzo trainato.2004DSC con funzioni ampliateAsciugatura dischi, effetto anti-fading, avvicinamento pastiglie nelle frenate di emergenza, anti arretramento nelle partenze in salita, tutto a vantaggio di una sicurezza attiva.2005Night VisionUn termovisore esegue la scansione fino a 300 metri davanti alla macchina. Permette di riconoscere in anticipo le condizioni potenzialmente pericolose e quindi di affrontare con maggior previdenza i viaggi durante le ore del tramonto e notturne.2005Assistente luce di profonditàViene rilevata la dinamica del traffico e gestita automaticamente l'accensione e lo spegnimento degli abbaglianti.

TAGS: bmw: 50 anni di sicurezza