Autore:
Lorenzo Centenari

USATO SICURO? Il problema dell'usato non è tanto il suo passato. Il problema è soprattutto prevederne il futuro, e in mancanza della sfera di cristallo, il cliente non ha altra scelta se non quella di fidarsi delle proprie sensazioni, delle entusiastiche parole del proprietario, della perizia di un esperto. Ma è in arrivo anche un canale nuovo, un software che misuri lo stato di salute del veicolo su base matematica

RIVENDITORI RIUNITI Ideato dal car outlet MO.VI. per iniziativa del suo presidente Ercole Messina e sviluppato insieme al Dipartimento di Ingegneria Industriale e della Produzione del Politecnico di Torino, il nuovo strumento è stato annunciato al Salone del Valentino nel corso della conferenza Airvo, la neonata Associazione italiana rivenditori veicoli d'occasione. Perché l'app del Gruppo MO.VI. è tanto innovativa?

SCIENZA ESATTA Cuore del programma è un algoritmo che calcola la Percentuale di durata residua (PDR) di una vettura incrociando una moltitudine di dati come età, chilometri percorsi, utilizzo pregresso, prezzo di listino del nuovo e quotazione dell'usato. Il risultato è una cifra che stabilisce in termini percentuali l'aspettativa di vita dell'auto. Fatto 100 il valore dell'equivalente nuovo modello, l'algoritmo stabilisce quanta birra ha ancora in corpo il veicolo in esame.

TRASPARENZA Una volta sul mercato, grazie al sistema messo a punto a Torino il consumatore che valuta l’acquisto di un veicolo usato può conoscere in modo inequivocabile la ragionevole aspettativa di vita dell’auto sulla quale ha messo gli occhi. A sua volta, il rivenditore vede tutelata la propria credibilità: non più valutazioni approssimative, di pancia, bensì dichiarazioni oggettive e inconfutabili circa l'effettivo stato di salute del mezzo. Imbroglio scongiurato.


TAGS: auto usate usato sicuro applicazioni politecnico di torino acquisto auto usata