Autore:
Lorenzo Centenari

SELF CONTROL Il principio filosofico, all'apparenza contraddittorio, è quello dell'auto-castigo. Già, perché il monitoraggio si attiva solo in seguito ad esplicito consenso. Ma a quanto pare, funziona. Sia in chiave sicurezza, sia come virtuale salvadanaio. La classica win-win situation, insomma. Negli Usa, la compagnia assicurativa Allstate (la terza per dimensioni tra quelle operanti nel settore privato nel Paese) ha introdotto tra i propri servizi aggiuntivi un'app che misura l'utilizzo del cellulare durante la guida. Poiché la prassi di maneggiare lo smartphone mentre si siede al volante è scientificamente fonte di rischio, maggiore è l'uso del dispositivo, più alto sarà il premio RC Auto da versare.

SOTTO OSSERVAZIONE L'app sperimentata da Allstate funziona elaborando i dati restituiti da un accelerometro e da un giroscopio installati, dietro autorizzazione dell'utente, all'interno dello smartphone stesso. L'incrocio dei parametri registrati consente di stabilire se l'apparecchio, momento per momento, giace appoggiato su una superficie, oppure se viene (negligentemente) tenuto in mano. Accettando questa forma piuttosto invasiva di controllo dei propri gesti, il cliente viene tuttavia ricompensato da una tariffa inferiore. Contemporaneamente, motivato dall'istinto di conservazione del proprio conto in banca, fa un favore a se stesso poiché si concentra su ciò che è chiamato a fare. Cioè guidare, e basta.

EPIDEMIA SMARTPHONE L'innovazione che Allstate ha riversato nel pianeta assicurativo reca benefici anche alla compagnia stessa, dal momento che gli automobilisti virtuosi troveranno il meccanismo premio-punizione particolarmente vantaggioso. Tanto che non è escluso che l'esempio della società con sede nell'Illinois possa presto essere seguito dai competitor. Prima negli Stati Uniti, successivamente anche in Europa, mercato che a sua volta (con tempi più dilatati) sta maturando piena consapevolezza della piaga smartphone. I sinistri che hanno come concausa l'uso improprio del cellulare alla guida costituiscono il 27% del totale. Ben venga un'app che scoraggi una volta per tutte un comportamento all'apparenza innocente, ma dal potenziale semplicemente devastante.


TAGS: Cellulare alla guida ritiro patente Cellulare alla guida punti patente RC Auto app smartphone RC Auto smartphone alla guida RC Auto smartphone al volante RC Auto cellulare alla guida RC Auto cellulare al volante RC Auto app uso smartphone Cellulare alla guida sicurezza Cellulare alla guida premio polizza