Autore:
Paolo Sardi

RAPACE

Probabilmente il suo disegno non è ancora definitivo al 100% ma a questo cofano a becco d’aquila dovremo un giorno (neanche tanto lontano) fare l’abitudine. La nuova LF-C non è infatti una concept car qualsiasi ma è una succosa anticipazione di quelle che saranno le linee guida del nuovo stile delle prossime Lexus, prima fra tutte la nuova IS che debutterà a gennaio 2005 a Detroit.

ARIA NUOVA

Se queste previsioni saranno rispettate, sarà difficile accusare ancora di scarsa personalità i prodotti del luxury brand Toyota. La parte che merita più attenzione è il frontale. Il muso aquilino, la mascherina futuristica, i fari obliqui e le prese d’aria triangolari creano un insieme molto dinamico. La fiancata non è comunque da meno, è massiccia e movimentata da una ripetuta alternanza di superfici concave e convesse. Particolare è anche la coda tondeggiante, in cui spiccano luci solcate da sottili nervature che creano un curioso effetto cattedrale.

SI FA IN QUATTRO

Accanto alle soluzioni di design destinate alla produzione, vi sono altri aspetti della LF-C che meritano comunque un paio di parole, a partire dall’esile padiglione. Come vuole la moda più recente il tetto è metallico e all’occorrenza scompare ripiegandosi nel vano bagagli. A differenza però di quanto accade in altri casi, questa Lexus non offre solo due configurazioni alternative, bensì quattro: Coupé, Targa, Roadster o Speedster.

VEDO NON VEDO

Anche nell’abitacolo vi sono diversi spunti originali. La console centrale parte da una plancia esilissima e si estende fino ai posti posteriori, rivestita da un pannello trasparente che dà un tocco high-tech. Sulle trasparenze gioca anche la strumentazione, sistemata a mo’ di foglia lungo il piantone dello sterzo. Questa non è l’unica stravaganza, visto che le lancette sono infulcrate sulla corona degli indicatori, anziché al centro degli stessi.

BEI NUMERI

Lunga 454 cm, larga 185 e alta 136, con un passo di 279, la LF-C adotta un motore V8 abbinnato a un cambio automatico sequenziale a sei marce e alla trazione posteriore. Lo sterzo è raffinatissimo, di tipo drive-by-wire, e comanda ruote da 20 pollici con pneumatici 245/35 mentre al retrotreno la misura è ancor più impressionante: 285/30-21.

TAGS: anteprima: lexus lf-c