Autore:
Giulia Fermani

PAROLA D’ORDINE: INNOVARE Sentire che l’Anas ha messo in cantiere (letteralmente, i lavori di posa inizieranno intorno a metà aprile) la realizzazione di 200 km di guardrail sicuro -con oltre 20 milioni di euro stanziati per il progetto- lascia senza dubbio un po’ perplessi. La prima domanda che sorge spontanea è: perché, quelli installati finora non erano sicuri? In realtà sì, ma queste innovative barriere progettate da Anas prevedono nuove protezioni che si estendono fino quasi a sfiorare il manto stradale. 

BARRIERE SALVAMOTOCICLISTI I lavori di produzione delle nuove barriere stradali in acciaio progettate da Ansa sono cominciati ad inizio anno e a partire dalla prima metà di aprile prenderanno il via le prime installazioni. La prima regione interessata sarà il Molise, dove i nuovi guardrail costeggeranno la strada statale 158 della Valle del Volturno. Ma cosa cambia rispetto ai guardrail attualmente presenti sulle nostre strade? Per cominciare, le innovative barriere Anas saranno tra le prime in Italia a profilo continuo (vale a dire senza interruzioni) e, soprattutto, saranno rivestite da uno schermo protettivo esteso fino al manto stradale. Questa accortezza è pensata principalmente per ridurre al minimo il pericolo per i motociclisti, in caso di impatto. 


TAGS: sicurezza sicurezza auto sicurezza stradale sicurezza moto guardrail barriera barriere carreggiata