Autore:
Giulia Fermani

APRIPISTA Se l’attesa è fremente soprattutto per la nuova Giulia, il cui lancio è previsto per il 24 giugno prossimo, a farle da apripista ci pensa questa Giulietta Collezione. Presentata in anteprima all’imminente Salone di Ginevra, approderà nei principali mercati europei a partire da aprile.

CERCHI A RAGGI Sessant’anni dopo nascita della sua progenitrice – la prima Giulietta risale infatti al 1955 – la Giulietta contemporanea si presenta in un’inedita versione. Segni particolari? A un primo, rapido sguardo saltano subito agli occhi le calotte nere degli specchi retrovisori (a richiesta si può avere anche il tetto nero a contrasto) e i cerchi in lega a raggi da 17 pollici che, per i più esigenti, possono essere sostituiti da quelli in lega bruniti da 18 pollici. L’interno, poi, parla forte il linguaggio del Made in Italy, con i suoi sedili rivestiti in pregiata pelle bicolore (nero/grigio) con cuciture a contrasto che spiccano nell’ abitacolo dominato da toni scuri. E poi, come a confermare che la bellezza di un outfit si nasconde nei dettagli, Alfa impreziosisce gli interni della Giulietta con alcuni inserti satinati di colore grigio sulla plancia, sui pannelli delle porte e sul tunnel centrale.

FULL OPTIONAL In Alfa non hanno risparmiato sulla dotazione di serie in favore dei dettagli glamour: la nuova Giulietta Collezione offre infatti 6 airbag, il dispositivo Alfa DNA con differenziale elettronico Q2 e DST e l'ESC, che include anche ASR e Hill Holder. Oltre ai fendinebbia, al sensore di pressione degli pneumatici e al climatizzatore automatico bi-zona.  L’autoradio è touch-screen con CD/MP3, funzione dual tuner e comandi radio al volante. Sempre touch screen, con schermo da 5 pollici, è il dispositivo multimediale Uconnect integrato in plancia, che si serve di interfaccia Bluetooth, connettore Aux-in, porta USB e comandi vocali. Completano poi l’offerta i sensori di parcheggio posteriore e sensori di pioggia e crepuscolari.  Per i più esigenti il dispositivo è disponibile anche da 6,5 pollici, con l’aggiunta di sistema di navigazione satellitare con mappe dall'alto in 3D, indicazioni progressive sul percorso e comandi vocali.

SOTTO IL COFANO Sull'allestimento Collezione debutta il turbodiesel Multijet di seconda generazione 1.6 JTDM 120 CV Euro 6, che dichiara 3,9 l/100Km e 103 g/km di CO2 nel ciclo combinato. A questo si aggiungono altre quattro motorizzazioni disponibili: altri due turbodiesel Multijet di seconda generazione, 2.0 JTDM da 150 cv e 2.0 JTDM da 175 cv ( questo solo con cambio automatico a doppia frizione) e due TurboBenzina, 1.4 MultiAir da 120 cv e da 170 cv (anche quest’ultimo disponibile solo con cambio automatico a doppia frizione).


TAGS: salone di ginevra 2015 Salone di Ginevra 2015, tutte le novità