Autore:
Simone Coggi

TAGLIAMO CORTO "Ok, sistema la mascherina, bene così. Via quei cerchi dorati, sì sì, mettiamo quelli a tre razze. E quegli interni, avanti con il cockpit avvolgente…" Ci sembra di sentirli parlare, gli ingegneri della Saab, mentre sono al lavoro per disegnare e costruire la nuova 9-2X. Eh, già, perché la sorella minore della 9-3 Sports Hatch prossima ventura altro non sarà che una versione riveduta, corretta e personalizzata della Impreza SW che continua ad avere un certo successo di vendita un po’ in tutto il mondo.

MODELLO IKEA Piace, probabilmente, anche ai manager della General Motors, nella cui orbita gravano sia la Saab che la Subaru, i quali hanno pensato bene di fare compiere alla casa svedese il tanto necessario salto di qualità in termini di fatturato prendendo una bella scorciatoia. Quella, appunto di prendere una bella macchinina già fatta, e di sottoporla alle cure estetiche modello Ikea. Pardon, Saab. INTEGRALMENTE Non si può sbagliare: la trazione integrale ci sarà, come è logico – prima tra le Saab - e la carrozzeria sarà offerta unicamente nella versione wagon a cinque porte, con il vetro avvolgente "casualmente" motivo caratteristico di entrambi i marchi. I motori, anch’essi vecchie conoscenze giapponesi, saranno il duemilacinque aspirato montato ora sulla Outback e il duemila turbo da 227 cavalli delle Impreza più sportive, che andrà a scatenarsi sulla versione Aero della baby-Saab.SI DECOLLA Nulla è dato ancora di sapere dell’interno, ma considerato che in questo ambito le differenze tra i due marchi sono piuttosto marcate, con la svedese che attinge a piene mani dal suo heritage di costruttrice di aerei, si può immaginare che il cruscotto sarà l’ennesima interprestazione della plancia avvolgente, magari con la chiave proprio lì tra i sedili. Il resto sarà in linea con la "mission" di piacere ai giovani, agli sportivi fighetti, e a tutti quelli per i quali una 9-3 sa troppo di pubblicitario anni ottanta.

RISPARMI IN VISTA

La 9-2X sarà prodotta in Giappone e venduta l’estate prossima negli Stati Uniti ed in Canada, con la possibilità che il frutto di questa operazione di ingegneria genetica venga esportato nel resto del mondo. Del resto, ormai quasi tutti i marchi sono Global Players, e non deve stupire più di tanto se un modello compatto e molto "europeo", probabilmente anche decisivo per le sorti future del marchio, faccia sfoggio di sé al di là dell’oceano prima che in Svezia e vecchio continente. Sono le regole del mercato, le stesse che hanno fatto dire a Bob Lutz, vice presidente GM, che Saab e Subaru hanno un "sapore" simile e che è giusto cooperare per produrre auto sempre migliori e dalla guida esaltante; che intendesse dire che in questo modo si spende di meno?

TAGS: 9-2x: arriva la saabaru