Autore:
Luca Cereda

COLPO DI TACCO Ebbene sì, le suffragette hanno vinto anche qui. E nel mondo dei motori, ormai da qualche anno a questa parte, esiste un premio “auto dell’anno” tutto al femminile. Per il 2014, 23 giornaliste dell’auto provenienti da 16 Paesi diversi hanno eletto la nuova Mercedes Classe S (vincitrice anche nella categoria Luxury), preferita ad Audi A8 e Tesla Model S nella graduatoria generale del Women’s World Car of the Year. Altri nomi spiccano poi nelle varie categorie: l’Audi A3 Sedan come miglior auto per la famiglia, la cugina Audi S3 tra le sportive, la Tesla Model S tra le più “verdi”, mentre l’utilitaria ideale è la Honda Jazz e il suv, guarda guarda, sua maestà Range Rover Sport. Ma sapete qual è l’auto dei sogni per le penne rosa di settore? La Jaguar F-Type Coupé.

DURE E PURE Altro che auto da signorine. Nel responso del Women’s World Car of the Year, così sbilanciato verso la sportività, sembra esserci un tasso di testosterone da antidoping. Segno che, in materia di auto, la voce delle addette ai lavori si sovrappone molto di più al gusto tipicamente maschile di quanto non facciano gli acquisti delle quote rosa nel mercato dell’auto, peraltro sempre crescenti, e sempre più influenti anche quando poi sono i mariti a staccare l’assegno nelle concessionarie.

I TEMPI CAMBIANO Ma le elette del Women’s World Car of the Year 2014 sorprendono anche se confrontati alle passate edizioni del concorso stesso – che col passare degli anni ha visto ampliare la platea di giurati e i Paesi rappresentati. La Classe S si prende oggi il titolo che è stato, tra le altre, di Fiesta 1.0 Ecoboost, Range Rover Evoque e Citroen DS3, per ragioni diverse auto più facilmente accostabili ai palati femminili. Senza contare che lo stesso Women’s World Car of the Year nasce con uno spirito che sembra contrastare con queste ultime sentenze.

QUESTIONE DI METRO Leggendo sul sito ufficiale alla voce “criteri di valutazione”, il Women’s World Car of the Year chiede espressamente di allinearsi al mood con cui solitamente le donne acquistano le auto. E perciò considerare quanto l’auto di turno sia sicura, facile da guidare, conveniente ne rapporto qualità/prezzo, esteticamente piacevole, spaziosa, ecologica e, ultimo ma non meno importante, fruibile dai bambini. Arrivati a ‘sto punto, se qualcosa non vi torna con la lista che segue, scatenatevi pure nei commenti. Tenendo sempre bene a mente che – per fortuna oppure no – con le donne le sorprese non finiscono mai...


TAGS: women's world car of the year Women's World Car of the Year 2014